Una morte improvvisa ha stroncato la vita del musicista Giorgio Zito Bennato, fratello minore dei cantautori Edoardo ed Eugenio.

Giorgio Zito Bennato, noto musicista e fratello minore dei cantautori Edoardo ed Eugenio, è morto improvvisamente a 74 anni, nella sua casa di Napoli. L’artista, che era anche produttore e tecnico del suono di talento, ha lasciato un segno indelebile nella scena musicale italiana.

Edoardo Bennato

La morte di Edoardo Bennato

A ricordare Giorgio con un messaggio su Facebook, è stato il fratello Edoardo Bennato, che scrive: “Il più giovane e il più saggio di noi tre…”. Il musicista 74enne è volato via a causa di un arresto cardiaco, mentre si trovava a casa sua, a Napoli. Un colpo che non gli ha lasciato scampo: è stata la sua famiglia ad annunciare la triste notizia.

Una vita dedicata alla musica

Giorgio, insieme ai suoi fratelli Edoardo ed Eugenio, aveva esordito da giovanissimo nel Trio Bennato, suonando banjo e percussioni. Tuttavia più tardi decise di distinguersi dai due fratelli maggiori, facendosi chiamare Giorgio Zito, con il cognome della loro madre.

Dopo l’esperienza con i fratelli, continuò poi a suonare con vari gruppi che hanno dominato la scena rock e blues di Napoli per almeno venti anni. Giorgio lavorò anche come tecnico del suono per i concerti rock di Edoardo, contribuendo alla registrazione di alcuni dei suoi capolavori.

I tre Bennato sono tornati insieme solo nel 2017 quando hanno deciso di realizzare un singolo dal titolo Domani, pubblicato insieme a un video celebrativo che li vedeva ritratti nel loro quartiere, Bagnoli.

Il gruppo Diesel e la carriera solista

Una volta che Edoardo spiccò il volò nella sua carriera solista, Giorgio Bennato fondò il gruppo rock Diesel, dove debuttò con il cognome della madre, Zito. Con il suo nome d’arte partecipò alla trentesima edizione del Festival di Sanremo nel 1980 con la canzone Ma vai, vai.

Poi Giorgio decide di dedicarsi alla produzione, e fonda la Edizione Cinquantacinque, successivamente la casa discografica Cheyenne, lavorando a diverse canzoni che arrivano presto al grande pubblico. Con gli anni pubblica altri due album insieme ai Demonilla (Evoluzione e In attesa di Giudizio), registra e pubblica fino al 2019.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2024 10:26


Jovanotti di nuovo sotto i ferri: “Otto ore di intervento”

Ligabue fotografato in stampelle: ecco cosa gli è successo