Tanti auguri Mika, icona pop che ha sconfitto il bullismo

Alla scoperta di Mika, il bambino bullizzato che ha trovato il riscatto nella musica (nonostante i problemi di dislessia).

Presentatore ma soprattutto cantante, Mika, all’anagrafe Michael Holbrook Penniman Jr. (18 agosto 1983), è uno degli artisti più apprezzati nel panorama della musica pop. Oggi lo vediamo padrone del palcoscenico e dei salotti televisivi, lo abbiamo visto grande protagonista di X Factor e impeccabile padrone di Casa Mika, eppure da bambino Michael era tutt’altro che spigliato e simpatico. Andiamo allora alla scoperta di Mika e alle radici dell’uomo che è diventato personaggio.

La carriera di Mika, il ragazzo sovrappeso e dislessico che ha sfondato grazie a… MySpace

I primi anni di vita di Mika sono tutt’altro che semplici. Vive per sette mesi nell’ambasciata americana in Kuwait, esperienza che in qualche modo lo segnerà in maniera indelebile. Anche a scuola le cose non vanno benissimo. A causa della dislessia e del suo peso (incredibile ma vero, il piccolo Mika era decisamente sovrappeso) è facile preda dei bulli che minano la sua autostima. Esce fuori un ragazzo ribelle che quando sta da solo si chiude in un mondo parallelo, quello della musica ed è lì che di fatto vive dopo essere stato cacciato da scuola all’età di dieci anni.

Aveva scritto la sua prima canzone a sette anni ma sempre per colpa della dislessia non riusciva a vivere la sua passione con leggerezza. Le note sul pentagramma erano quasi indecifrabili e più di una volta ha pensato di gettare la spugna. Un ruolo cruciale per la vita del ragazzo lo avrebbe svolto la madre, prima sostenitrice di Mika e sempre pronto ad accompagnarlo alle audizioni, ai provini e nelle piccole case discografiche.

Il successo, in un’epoca in cui ancora non esistevano i talent o almeno non avevano il potere che hanno acquisito nel corso degli anni, arriva grazie a MySpace, dove il ragazzo pubblicava i suoi brani. Era il 2006, l’Italia si laureava campione del Mondo in Germania e un discografico metteva gli occhi su Mika scrivendo, ancora senza saperlo, una pagina importantissima nella storia della musica pop.

Particolarmente generoso (o genio del marketing), nel 2009 Mika ha invitato i suoi fan in un pub per festeggiare insieme l’uscita del suo nuovo disco. Sarà stato particolarmente felice il proprietario del locale che a fine serata ha staccato uno scontrino da più di ventimila dollari. Con il passare del tempo avrebbe poi ristretto il giro dei suoi compagni di bevute, tra cui spicca il nome di Fedez, sempre pronto a dar man forte all’amico e collega quando si tratta di prendersi una bella sbornia.

Grandi successi ma non solo. Grace Kelly, il suo primo singolo diventato in poco tempo un vero e proprio tormentone, è stato eletto come uno dei brani più irritanti della storia. E a proposito di record negativi, nel Regno Unito è rientrato nella top ten dei dieci uomini vestiti in modo peggiore. Questione di gusti.

Mika
Fonte foto: https://www.facebook.com/mikasounds/

La vita privata di Mika: dal compagno Andreas alla passione per le scarpe (bianche)

Grande icona del mondo gay, Mika ha fatto coming out nel 2012. Il cantante ha rivelato che la notizia non è stata pesa nel migliore dei modi dalla madre che avrebbe impiegato un po’ di tempo per accettare la situazione e Andreas Dermanis, lo storico compagno di Mika. I due vivono a Londra lontano dalle luci dei riflettori dei giornali scandalistici.

Mika è un grande appassionato delle scarpe bianche, un dettaglio che sicuramente non è sfuggito ai suoi fan più accaniti. Sono probabilmente il suo indumento preferito e pare ne abbia svariate paia. Per quanto riguarda l’abbigliamento del sempre impeccabile cantante, sembra che Mika abbia un’ossessione compulsiva che lo costringe a comprare tre pezzi dello stesso capo di abbigliamento!

Di seguito il video di Grace Kelly di Mika:

Fonte foto: https://www.facebook.com/mikasounds/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 17-08-2018