Alla scoperta di Drupi, un’icona della musica italiana degli anni Sessanta e Settanta che ha conquistato l’Est Europa dopo essere stato bocciato dall’Italia.

Giampiero Anelli, in arte Drupi (10 agosto 1947 sotto il segno del Leone), è uno degli artisti più controversi della scena musicale italiana. Uno che ha sempre vissuto una vita normale e che ha sempre detestato il successo. Ha tentato la via della musica, poi si è sentito soffocato dagli impegni e ha pensato seriamente di appendere il plettro al chiodo. Così fortunatamente non è stato. È rimasto lì, dietro al microfono con la chitarra in mano e ha continuato a far cantare decine di generazioni con i suoi successi.

Chi è Drupi: la carriera

Drupi non è forse il classico bambino prodigio che conquista le prime luci della ribalta ancora giovanissimo. Lui ha una vita normalissima, non fa le pubblicità o i concorsi, ma recita all’asilo, come tutti. In un’intervista ha dichiarato che il suo nome d’arte viene proprio da un folletto che interpretava nelle recite alla scuola materna. Nulla a che vedere dunque con il cane Drupi, il noto personaggio dei fumetti spesso accostato al cantante.

Chitarra
FONTE FOTO: https://pixabay.com/it/photos/chitarra-strumento-musicale-2276181/

Cosa voleva fare da grande? L’idraulico. Quella era infatti la sua professione prima di diventare qualcuno nel mondo della musica, e inizialmente era intenzionato a tenersi stretta la sua vita e non proseguire la sua carriera da musicista. Alla crisi d’identità ha contribuito l’ultimo posto di Drupi al Festival di Sanremo nel 1973. Poi è arrivato il successo in Francia e non ha potuto dire di no. Inevitabile e comprensibile. Nel 2003 ha avuto l’onore di cantare nella piazza dell’orologio di Praga, onore concesso solo… ai Rolling Stones!

Tuttavia Drupi ha sempre continuato a evitare le luci dei riflettori: ha iniziato a suonare per la passione per i Beatles, ascoltando e imparandosi a memoria le canzoni di John Lennon e compagni, ma ha sempre vissuto male gli impegni del successo, come le scadenze legate ai dischi e agli impegni commerciali.

A proposito di Sanremo, Drupi è uno dei grandi protagonisti del passato, un veterano del palco dell’Ariston. Eppure per il cantante il Festival era un rimedio alla sua pigrizia: la partecipazione alla più grande rassegna della musica italiana regalava al cantante una visibilità tale che, al termine del Festival, gli permetteva di prendersi una pausa e coltivare la sua grande passione per la pesca.

La vita privata di Drupi: moglie e figli

La moglie di Drupi è Dorina Dato. I due si conoscono di fatto sul palcoscenico, o meglio in sala prove. Lei infatti era una delle coriste che accompagnava il cantante nei suoi tour. Fu quasi colpo di fulmine grazie ai tanti interessi comuni che i due hanno continuato a coltivare anche dopo il matrimonio. L’album Fuori target infatti è scritto a quattro mani da Drupi e signora.

Ma cosa fa oggi Drupi? Il cantante continua a vivere la sua vita leggera. A differenza di qualche anno fa ha deciso di farsi vedere in televisione come ospite, continua a comporre e a esibirsi ma per passione, non per soldi, per divertimento e non per dovere. E poi pesca, sì, a quello non rinuncerà mai.

Di seguito il video di Piccola e Fragile di Drupi:

TAG:
Drupi

ultimo aggiornamento: 10-08-2020


Lorella Cuccarini: le curiosità sulla sua carriera da cantante

Tutto su Ian Anderson, il pifferaio matto della musica rock