Lizzo diventa una mosca per Halloween: la cantante ha scelto un travestimento particolare per prendere in giro il vice presidente Mike Pence.

Lizzo sorprende tutti per Halloween scegliendo un travestimento a dir poco originale: la cantante è diventata… una mosca! O meglio, non una mosca qualunque, ma la mosca che ha infastidito nel corso di un dibattito degli ultimi giorni il vice presidente di Trump, Mike Pence, diventando virale sui social. Un travestimento in chiave politica per la popstar, che ha anche rivelato ai fan: “Ho votato per Biden“.

Lizzo si traveste da mosca per Halloween

Halloween è una cosa seria negli Stati Uniti, e questo ormai lo sa il mondo intero. Per cercare di lasciare tutti senza parole, Lizzo ha scelto di diventare per un giorno la mosca che ha infastidito Mike Pence, il vice presidente di Donald Trump, nel corso di un dibattito degli scorsi giorni con la senatrice Kamala Harris.

Una mosca diventata virale, che ha fatto impazzire il web, e che è diventata ispirazione anche per Lizzo. Così, nel giorno di Halloween la cantante si è messa le ali e ha cominciato a ronzare proprio sulla foto di Pence. Ecco il travestimento che ha fatto impazzire i fan della popstar:

Lizzo vota per Biden

Nel post con la parodia messa in scena da Lizzo c’è anche l’ammissione: l’artista ha votato per Biden. Si tratta dell’ennesimo personaggio dello spettacolo americano che ha ammesso la propria preferenza per il leader dem rispetto al candidato repubblicano Donald Trump. Basti pensare a quanto fatto negli scorsi giorni da Madonna e Lady Gaga.

Lizzo
Lizzo

Se molti hanno cercato di convincere i fan con il proprio voto per Biden, certo la cantante di Juice è stata più originale e sorprendente, e il suo endorsement è diventato rapidamente virale, conquistando sia i suoi sostenitori che i simpatizzanti di Biden in generale.

TAG:
Lizzo

ultimo aggiornamento: 02-11-2020


Sex Pistols, John Lydon: “Ho preferito aiutare mia moglie piuttosto che finire il nuovo album”

Renato Zero, gelo con Loredana Bertè: “Quello che dovevamo dirci ce lo siamo già detti”