Justin Bieber ha fatto infuriare tutti i suoi fan per la scelta del nuovo look: ecco perché molti stanno pensando di smettere di seguirlo.

Justin Bieber ha fatto infuriare i suoi fan! Tutta colpa del suo nuovo look. La scelta della nuova capigliatura della popstar canadese ha lasciato senza parole chi lo segue. E non tanto perché stia male, ma perché dal punto di vista simbolico avrebbe un peso enorme e sbagliatissimo. Cosa ha combinato il cantante canadese, che da qualche tempo a questa parte ha abbandonato l’etichetta di bad boy?

Justin Bieber cambia look: fan infuriati

L’artista si è mostrato nelle ultime foto su Instagram con un nuovo taglio di capelli, in particolare con i dread. Una scelta che molti non hanno condiviso, e c’è chi sottolineato come questo suo comportamento possa essere visto ome una vera ‘appropriazione culturale’. Per questo motivo c’è chi ha minacciato: “Smetterò di seguirlo fino a quando non si sarà tagliato quei capelli“.

Justin Bieber
Justin Bieber

Ricordiamo che i dreadlocks, le ‘treccine’ fanno parte della cultura nera, anche se già altri personaggi influenti li hanno fatti propri in passato. Ecco la foto del cantautore canadese:

Justin Bieber spiega la scelta dei capelli

Il nuovo look di Bieber è arrivato a far discutere anche sul tabloid Guardian, che ha attaccato l’artista canadese per questa scelta di pessimo gusto. Sui social ini molti hanno sottolineato come farsi i dread significhi non conoscere la storia della black culture. Non si tratta di un semplice taglio, ma qualcosa di molto più significativo. Per anni i dread sono stati infatti segno di emarginazione, ma anche di rivendicazione da parte delle comunità nere. L’artista ha cercato di porre fine alla polemica con queste parole: “Sono semplicemente i miei capelli, tutto qui“. Basterà a placare gli animi? Lo scopriremo solo nei prossimi giorni!

Justin Bieber

ultimo aggiornamento: 28-04-2021


Laura Pausini è tornata a casa: ecco il gesto commovente della figlia Paola

Enrico Ruggeri diventa calciatore a 63 anni: “Sono un fantasista”