Matrimonio in vista per Gwen Stefani e Blake Shelton: la cantante dei No Doubt lo ha annunciato ufficialmente attraverso un post su Instagram.

Gwen Stefani e Blake Shelton si sposano! La cantante dei No Doubt e il collega, entrambi giudici di The Voice in America, hanno annunciato a tutti i fan il loro fidanzamento ufficiale. Una splendida notizia da parte della cantante bionda, che ha accettato di coronare il suo amore dopo una relazione lunga più di quattro anni. Le voci di una possibile proposta di matrimonio da parte di Shelton circolavano negli ambienti del gossip americano già da qualche tempo, ma la conferma è arrivata solo nelle ultime ore, con tanto di foto dell’anello!

Gwen Stefani e Blake Shelton si sposano

L’annuncio è stato dato dalla stessa Gwen con una foto sul suo Instagram ufficiale. La popstar si è ritratta mentre bacia il suo Blake, mettendo in bella mostra il prezioso anello appena ricevuto. Anche Shelton ha condiviso la stessa sfoto, aggiungendo però una dedica molto speciale per l’amore della sua vita: “Hey Gwen, grazie per aver salvato il mio 2020 e… il resto della mia vita… Ti amo. Ho sentito un sì“. Ecco il post della cantante dei No Doubt:

La storia d’amore di Gwen Stefani e Blake Shelton

La favola d’amore è arrivata per Gwen dopo una serie di relazioni difficili. Dal 1987 al 1994 la cantante è stata fidanzata con il bassista Tony Kanal, per poi sposarsi nel 2002 con Gavin Rossdale. Dalla loro unione sono nati tre figli, Kingston James McGregor, Zuma Nesta Rock e Apollo Bowie Flynn. Nel 2015 il divorzio, una separazione tremendamente dolorosa per la cantante.

Gwen Stefani
Gwen Stefani

Fortunatamente per lei, nello stesso anno è però arrivato anche l’amore, il vero amore della sua vita. Ha conosciuto infatti il cantante country Blake Shelton, con cui ha iniziato fin da subito una relazione appassionata. Sarà lui l’uomo capace di renderla felice per sempre?

TAG:
Gwen Stefani

ultimo aggiornamento: 28-10-2020


Nicola Di Bari in rianimazione dopo un’operazione al cuore

Fedez lascia (momentaneamente) Instagram: ecco perché