Ermal Meta e Pierdavide Carone commentano l’ingresso nel mondo della musica di Angela da Mondello, la signora di “Non ce n’è Coviddi”: ecco le loro parole.

Da Non ce n’è Coviddi alla prima canzone il passo è stato breve per Angela Chianello, conosciuta dai più come Angela da Mondello, la signora che ha lanciato il vero tormentone di questa estate. Il 9 novembre la notizia più discussa nel mondo della musica è stata infatti l’arrivo della sua prima canzone, che ha sollevato una rumorosa polemica nel mondo del web. Anche alcuni artisti si sono risentiti: tra questi Ermal Meta e Pierdavide Carone. Ecco le loro parole cariche di sdegno.

Ermal Meta contro Angela da Mondello

C’è chi per arrivare al successo deve studiare e sudare le proverbiali sette camicie, chi invece può approfittare della fortuna di un momento per arrivare oltre i propri più rosei sogni. Anche per questo, la prima reazione di Ermal alla notizia della canzone di Angela Chianello è stata questo tweet: “Povera musica, che finiscein bocca a chi diventa appena famoso per ragioni che con la musica non c’entrano niente. È come vedere uno di 70 anni con una di 20 che si dicono innamorati. Che pena infinita“.

Angela da Mondello: Pierdavide Carone come Ermal Meta

Non solo Ermal. Sono stati tantissimi i cantanti che hanno mostrato il proprio sdegno per l’arrivo di questa canzone basata sul trash e l’ignoranza. Tra questi, anche Pierdavide Carone, che su tweet ha scitto: “C’è un ceto medio nella musica, non ancora da big da poter avere spazi radio-tv importanti, non più giovane da poter avere spazi radio-tv loro dedicati. C’era solo un cuscino per loro, la festa di piazza, ora non c’è più nulla. Parlate di loro invece di quella coglio*a di Mondello“. Parole durissime che hanno scatenato un putiferio tra chi invece prova a difendere la signora Angela.

Ermal Meta
Ermal Meta
TAG:
ermal meta Pierdavide Carone

ultimo aggiornamento: 10-11-2020


Aurora Ramazzotti positiva al Covid: l’annuncio in diretta tv

La rivincita di Phil Collins: il batterista si riprende la villa che la moglie gli aveva sottratto