Aurora Ramazzotti ha il Covid: la figlia di Eros lo ha annunciato in diretta televisiva, tranquillizzando però i suoi fan sulle sue condizioni di salute.

Anche Aurora Ramazzotti ha il Covid! La figlia di Eros Ramazzotti e Michelle Hunziker lo ha annunciato in diretta televisiva a Ogni Mattina, programma di Tv8 condotto da Adriana Volpe e Alessio Viola. In collegamento da casa sua, la speaker di Rtl ha spiegato di essere risultata positiva insieme al suo fidanzato e di essere per questo costretta a stare in isolamento e a rinviare alcuni impegni!

Aurora Ramazzotti positiva al Covid

La figlia d’arte ha spiegato di aver iniziato a sospettare di avere il virus quando ha iniziato ad avere un po’ di tosse. Il sintomo era lieve, ma a quanto pare lei non ha nella sua vita non ha mai avuto tosse, nemmeno quando era influenzata. Per questo si è subito insospettita, e ha deciso di fare il tampone.

Aurora Ramazzotti
Aurora Ramazzotti

Così ha scoperto di essere positiva, così come il suo compagno Goffredo. I due si sono messi subito in isolamento a Milano. Fortunatamente però non sta male, anzi sta bene e proverà a rimettersi in forze il prima possibile.

Aurora Ramazzotti: i sintomi

Oltre alla tosse, la figlia del cantuatore romano è stata messa in allarme da una strana sinusite. All’apparire di questi sintomi ha scelto di mettersi subito in isolamento, per evitare di contagiare le persone con cui avrebbe dovuto entrare in contatto.

Dopo essere risultata positiva, quindi, ha iniziato le cure e i sintomi si sono subito placati. Tuttavia, Aurora ha spiegato che il percorso non è stato semplice, e anzi che ancora oggi ha bisogno di un po’ di tempo per poter vincere definitivamente la sua battaglia con la malattia che ha colpito da poco anche Ornella Vanoni e Iva Zanicchi. Non resta che augurare a tutte loro una pronta guarigione. Ecco un tweet con l’annuncio di Aurora:


Peggiorano le condizioni di Iva Zanicchi: la cantante è in ospedale con la polmonite

Angela da Mondello debutta nel mondo della musica, la reazione di Ermal Meta: “Che pena infinita”