Elettra Lamborghini si è esibita all’Arena di Verona per i Seat Music Awards, ma la sua performance è stata criticata: il motivo.

Pioggia di critiche su Elettra Lamborghini! L’ereditiera più amata dagli italiani è ritonata in tv per i Seat Music Awards. La cantante di Pistolero è stata invitata all’Arena di Verona per ritirare un premio in relazione alle certificiazioni ottenute dal suo tormentone estivo, e nell’occasione ha scelto di esibirsi insieme a due ballerine su uno dei palchi più prestigiosi al mondo. Peccato che la sua performance sia stata in playback, in maniera piuttosto clamorosa. Una decisione che ha mandato su tutte le furie molti suoi fan!

Elettra Lamborghini
Elettra Lamborghini

Elettra Lamborghini ai Seat Music Awards: bufera sull’ereditiera

Cantare in playback all’Arena di Verona per molti fan dell’ereditiera è stato un vero oltraggio. Così, sui social si è scatenato un vero putiferio, con tanti utenti che hanno sottolineato come molti artisti negli anni Ottanta protestassero contro il playback, mentre oggi utilizzarlo è davvero “vergognoso“, aggiungendo: “Poi vi lamentate di quanto vi mancano i concerti“.

A dar fastidio, secondo molti, è il fatto che Elettra è sembrata non impegnarsi nemmeno per celare il suo playback, sbattendolo in faccia a tutti: “Sembrava non sapesse nemmeno le parole della sua stessa canzone!“. Una figuraccia che ha fatto imbufalire anche molti dei suoi fan.

Elettra Lamborghini in playback: la difesa dei fan

Criticare Elettra per il playback non è giusto, hanno sottolineato alcuni fan. E questo per un motivo chiaro: non è una cantante, ma un personaggio che regala tanta allegria, molti più rispetto a tante altre star. Scrive un utente: “Elettra mi fa morire, è un personaggio positivo, non di certo una cantante, ma comunque fa allegria molto più di tante altre“.

Di seguito il video dell’esibizione della discordia di Miura:

TAG:
Elettra Lamborghini

ultimo aggiornamento: 13-09-2021


“Sono stata stuprata”: la confessione shock di Alanis Morissette

Loretta Goggi, scelta drastica: “Troppi insulti, basta!”