Yoko Ono costretta sulla sedia a rotelle e bisognosa di assistenza 24 ore su 24: la confessione di un amico di vecchia data della vedova Lennon.

Yoko Ono è costretta da tre anni a muoversi su una sedia a rotelle! Lo ha reso noto un suo amico di vecchia data, Elliot Mintz. Intervistato dal New York Post, l’uomo ha parlato delle condizioni di salute della vedova Lennon, che ormai avrebbe bisogno di assistenza 24 ore su 24.

Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi: Yoko è infatti ancora forte come una volta, e sta avendo tutto l’aiuto possibile da parte del figlio Sean, che non di rado le fa visita.

Come sta Yoko Ono?

L’artista di origine nipponica, classe 1933, è dal 2017 costretta a stare su una sedia a rotelle, e ha bisogno di assistenza 24 ore su 24. Lo ha confessato al New York Post un amico di famiglia, Elliot Mintz, che ha parlato per la prima volta delle condizioni di salute della vedova Lennon, ormai sparita dalle scene da diverso tempo.

John Lennon e Yoko Ono
John Lennon e Yoko Ono

La donna ormai lascerebbe molto di rado il suo sontuoso appartamento di New York, trascorrendo le sue giornate in maniera semplice. Spesso a farle compagnia c’è suo figlio Sean, avuto da John Lennon 44 anni fa. Non di rado i due pranzano o cenano insieme. Ma anche Kyoko, la figlia 56enne avuta da un precedente matrimonio, la va a trovare quando può.

Yoko Ono è in sedia a rotelle

L’ultima volta che Mintz ha visto Yoko è stato a febbraio, in occasione della festa per il suo 87esimo compleanno. Nell’occasione erano presenti a casa sua anche altri trenta ospiti, tra cui Cyndi Lauper.

E a quanto pare, nonostante i problemi fisici, la vedova Lennon continua ad essere lucida e forte come sempre: “È un essere particolarmente speciale. In questi 87 anni è come se ne avesse vissuti 400“.

Di seguito il video di Bed Peace di Ono-Lennon:

TAG:
people Yoko Ono

ultimo aggiornamento: 09-07-2020


Ignazio Boschetto: la nuova fiamma del cantante de Il Volo è Roberta Morise?

Emis Killa attacca l’ex stella del Milan Boban: “Sta faccia di mer… Per me sei nulla”