Steve Stevens: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sul chitarrista americano famoso per aver suonato con artisti come Billy Idol.

Un grande chitarrista, un’icona degli anni Ottanta, un artista in grado di collaborare con musicisti del calibro di Michael Jackson. Stiamo parlando di Steve Stevens, un grandissimo talento delle sei corde, diventato famoso in tutto il mondo soprattutto per la sua partecipazione alla colonna sonora del primo Top Gun, un cult movie ancora amatissimo. Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Steve Stevens: biografia e carriera

Steven Bruce Schneider, questo il vero nome di Steve Stevens, è nato a Brooklyn il 5 maggio 1959 sotto il segno del Toro. Appassionato di musica fin da bambino, a sette anni inizia a suonare la chitarra e, dopo qualche tempo, si appassiona a un genere musicale non proprio pensato per i bambini: il progressive rock di band come gli Emerson, Lake & Palmer e gli Yes.

chitarra Stratocaster
Chitarra Stratocaster

Durante il suo periodo a Manhattan inizia a muovere i primi passi nel mondo della musica e suona nel disco solista di Peter Criss, batterista dei Kiss, Let Me Rock You del 1982. Sono proprio gli anni Ottanta a consacrarlo come grande nome a livello internazionale grazie al suo ingresso nella band che accompagna Billy Idol negli anni del massimo exploit del punk più famoso al mondo. Dalla combinazione della loro visione della musica, fatta di punk, dance e hard rock, nascono tutti i più grandi successi di Idol, tra cui la celeberrima Rebel Yell, che li consacra a stelle nella prima era di MTV:

Forte di questo successo, Stevens prova a dar vita alla sua carriera da solista, non disdegnando comunque la partecipazione ad alcuni album di grandissima importanza di artisti come Michael Jackson e Robert Palmer. Il suo più grande riconoscimento arriva però per la collaborazione con il tastierista Harold Faltermeyer nella traccia Top Gun Anthem, tema portante della colonna sonora dell’omonima pellicola con Tom Cruise. Una canzone che vale ai due la vittoria di un Grammy:

Sul finire degli anni Ottanta forma anche una band tutta sua, gli Atomic Playboys, che debuttano nel 1989 e viene accolto con grande successo dalla critica. All’interno del gruppo nascono però subito alcuni problemi e in poco tempo il progetto fallisce.

Per tutti gli anni Novanta Stevens si alterna dunque tra collaborazioni e nuovi gruppi, senza trovare la sua dimensione ideale, e sul finire del decennio pubblica anche un album solista di flamenco. Il nuovo millennio inizia con una reunion con Billy Idol. Cosa fa oggi Steve Stevens? Continua a essere un musicista molto amato negli Stati Uniti, ogni tanto chiamato per collaborazioni di un certo livello.

Steve Stevens: la discografia in studio da solista

1986 – The Guitar World According to Steve Stevens
1989 – Atomic Playboys
1994 – Akai Guitar Sample Collection
1999 – Flamenco a Go-Go
2008 – Memory Crash

La vita privata di Steve Stevens: moglie e figli

Dal 2008 Steve è sposato con Josie, una ex playmate di Playboy, protagonista con il marito anche di alcuni reality show al limite del trash. Non hanno ancora avuto figli.

Sai che…

– Ha suonato nel celebre Bad di Michael Jackson.

– Su Instagram Steve Stevens ha un account ufficiale da decine di migliaia di follower.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Rock strillo

ultimo aggiornamento: 14-06-2022


Francesco Guccini, un poeta prestato alla musica

Chi è Gary Holt, il leader degli Exodus