Riccardo Sinigallia: la carriera, la vita privata, le canzoni e le curiosità sul cantautore romano di Prima di andare via.

Riccardo Sinigallia è uno dei più talentuosi cantautori della scuola romana degli anni Ottanta-Novanta, la stessa che ha sfornato artisti del calibro di Niccolò Fabi, Federico Zampaglione, Max Gazzè, Daniele Silvestri e tanti altri ancora.

Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Riccardo Sinigallia

Riccardo Sinigallia è nato a Roma il 4 marzo 1970 sotto il segno dei Pesci. Fin da adolsecente sogna di diventare un musicista. Figlio di una dirigente dell’etichetta Durium, inizia a suonare la chitarra già da giovanissimo.

Riccardo Sinigallia
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/riccardosinigalliaufficiale

Durante gli anni Ottanta inizia a farsi notare nell’ambiente capitolino, esibendosi in alcuni locali. La sua prima svolta professionale è però la fondazione della cover band 10 PM Band.

Grazie all’esperienza nel gruppo presenta le sue prime canzoni inedite e per diversi anni ha l’opportunità di suonare in club e centri sociali. L’avventura della band, diventata nel frattempo 6 suoi Ex, termina però nel 1993.

Da questo momento Riccardo decide di intraprendere con il fratello Daniele un percorso nuovo, fatto di sperimentazione e leggerezza, fondendo le varie anime del suo gusto musicale.

Nel frattempo, inizia a lavorare anche come autore e arrangiatore. Nel 1994 collabora con Niccolò Fabi, lavorando ai suoi primi due dischi e firmando con lui canzoni come Capelli, Vento d’estate e Lasciarsi un giorno a Roma.

Qualche anno dopo lo troviamo al fianco di Max Gazzè, per cui firma alcune canzoni del famoso album La favola di Adamo ed Eva. Nel 2000 è invece al fianco dei Tiromancino dell’amico Federico Zampaglione, con cui lavora a tutte le canzoni di La descrizione di un attimo, compresa la celeberrima Due detini.

Debutta finalmente come solista nel 2003 con un album eponimo, anticipato dal singolo Bellamore:

Due anni dopo arriva il suo secondo album, Incroci a metà strada. La sua carriera da cantautore prosegue però di pari passo con quella di autore e produttore. Tra l’altro, è lui a firmare la produzione del primo disco di Coez, Non erano fiori, nel 2013.

Partecipa per la prima volta come artista in gara a Sanremo nel 2014 con i brani Prima di andare via e Una rigenerazione.

Negli anni successivi la sua carriera continua lontana dalle luci abbaglianti del mainstream, ma sempre con collaborazioni di altissimo livello. Nel 2016 firma e produce ad esempio alcune canzoni dell’album La fine dei vent’anni di Motta, premiato con il Tenco nella sezione Opera prima. Scrive inoltre nello stesso anno il brano Amami amami per Mina e Adriano Celentano.

Cosa fa oggi Riccardo Sinigallia? Continua a essere uno dei cantautori più rispettati nell’ambiente capitolino e ha pubblicato un album il 31 agosto 2018, il quarto della sua carriera, intitolato Ciao cuore. Questa la title track:

La vita privata di Riccardo Sinigallia: moglie e figli

Riccardo non si è mai sposato, ma ha da diversi anni una relazione con Laura Arzilli, bassista con cui condivide la propria vita artistica e privata.

Dalla loro splendida storia sono nati i suoi due figli, Manuel e Lori.

Sai che…

-Ha iniziato a scrivere canzoni a 12 anni.

-Nella sua prima band ha avuto modo di suonare con Francesco Zampaglione, fratello di Federico.

-Ha firmato il ritornello di uno dei brani più importanti nella storia dell’hip hop italiano, Quelli che benpensano di Frankie hi-nrg mc.

-Nel 2005 ha duettato a Sanremo con Marina Rei.

-Ha collaborato all’album di cover Musiche ribelli di Luca Carboni.

-Su Instagram Riccardo Sinigallia ha un account ufficiale da oltre 8mila follower.

Di seguito il video di Malamore, una delle canzoni di Riccardo Sinigallia più conosciute:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/riccardosinigalliaufficiale

TAG:
curiosità Riccardo Sinigallia

ultimo aggiornamento: 03-03-2020


Chi è Mostro, il rapper della Balduina

Umberto Tozzi: le curiosità su uno dei cantanti italiani più amati all’estero