Incidente per Simon Cowell, ideatore di X Factor e fautore della nascita dei One Direction: è caduto con la bici elettrica e si è rotto la schiena.

Un brutto incidente ha coinvolto Simon Cowell, star della tv britannica e ideatore di programmi come il format X Factor. La celebrità ha infatti riportato dei danni alla schiena dopo essere caduto in maniera rovinosa dalla bici elettrica che stava provando nel cortile della sua casa, a Malibu. Stando a quanto riferito dal suo portavoce, il genio della tv è atteso da un intervento chirurgico il 9 agosto, ma tutto sommato starebbe già bene.

Incidente per Simon Cowell: come sta

Il padrino dei One Direction ha riscontrato dei danni alla schiena dopo una bruttissima caduta con la sua bici elettrica nel cortile della sua splendida casa a Malibu. Fortunatamente le sue condizioni non sarebbero gravissime, e dopo un intervento chirurgico dovrebbe riuscire a riprendersi del tutto. Spiega il suo portavoce: “Si è fatto male alla schiena ed è stato portato in ospedale. Sta bene, è sotto osservazione e si affida alle cure dei medici“.

One Direction
One Direction

Chi è Simon Cowell

Super star della tv britannica e americana, Simon sarebbe in realtà atteso già la prossima settimana al primo live di America’s Got Talent, uno dei suoi show televisivi, in programma l’11 agosto. Per il 60enne però a questo punto la diretta sembrerebbe a rischio.

Volto noto della televisione, da qualche tempo ha scelto di abbracciare uno stile di vita salutare, rimettendosi in forma e scegliendo una dieta vegana. Inoltre, si è appassionato al mondo delle due ruote, e proprio questo nuovo interesse gli è costato il grave incidente. Tra l’altro, nel mese di luglio aveva fatto parlare di sé per essere diventato l’unico proprietario dei format X Factor e Got Talent, riacquistando le quote in passato prese dalla Sony Music.

TAG:
one direction X Factor

ultimo aggiornamento: 09-08-2020


Elettra Lamborghini al Grande Fratello Vip? L’indiscrezione fa impazzire i fan

Al Bano sull’Ilva: “Ha creato posti di lavoro, ma anche posti al cimitero”