Sfera Ebbasta indagato per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti

La Procura di Pescara ha inserito Sfera Ebbasta nel registro degli indagati per istigazione all’uso di droghe, dopo gli esposti di due senatori di Forza Italia.

Sfera Ebbasta è indagato dalla Procura di Pescara per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti. Lo riporta il quotidiano il Centro, secondo cui il fascicolo contro il trapper sarebbe stato aperto dopo gli esposti di due senatori di Forza Italia, Lucio Malan e Massimo Mallegni. A oltre un mese dalla tragedia di Corinaldo, dunque, non si placano le polemiche attorno a Gionata Boschetti, l’artista italiano più discusso degli ultimi tempi.

Sfera Ebbasta indagato per istigazione all’uso di droghe

L’esposto dei due senatori è stato depositato non solo alla Procura di Pescara, ma in tutte le procure delle città in cui il cantante si è esibito negli scorsi mesi. Secondo Malan e Mallegni il trapper nei propri testi farebbe riferimento spesso all’utilizzo e allo spaccio di droghe, senza alcuna accezione negativa. Anzi, per Sfera lo stile di vita di uno spacciatore diverrebbe un vero e proprio emblema del successo.

Il ventiseienne milanese in passato aveva confermato di utilizzare droghe leggere, in particolare marijuana, abitualmente, e sull’emulazione da parte dei suoi fan aveva puntualizzato: “Dipende dalla personalità di ciascuno. Non è che se il mio idolo si droga, devo farlo anch’io. E poi guardate anche il lato positivo: i ragazzini che vogliono somigliare a me guardano a uno che ha raggiunto il successo dal niente“.

Sfera ebbasta
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/sferaebbastaofficial/

Sfera Ebbasta accusato da una madre

La notizia dell’apertura di un fascicolo su di lui da parte della Procura di Pescara è solo l’ultima di una lunga serie di vicissitudini che hanno contraddistinto in negativo la vita di Sfera Ebbasta da quella maledetta notte dell’8 dicembre 2018 in cui sei persone hanno perso la vita in attesa di una sua performance alla Lanterna Azzurra di Corinaldo.

Pochi giorni fa il trapper era finito nel mirino di Donatella Magagnini, madre di una delle vittime della tragedia, che lo aveva accusato tramite Facebook di non essere stato realmente toccato dal dramma avvenuto. Dopo tale messaggio, Sfera aveva pubblicato su Instagram una foto con questa didascalia: “Devo andare più veloce di chi mi odia“. Di seguito lo scatto in questione:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da $€ (@sferaebbasta) in data:

FONTE FOTO: https://www.facebook.com/sferaebbastaofficial/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 14-01-2019