Riccardo Fogli ha dedicato Storie di tutti i giorni alle presone che soffrono di Alzheimer per ricordare la defunta mamma.

Riccardo Fogli ha voluto fare una dedica speciale a tutti i malati di Alzheimer, suonando per loro Storie di tutti i giorni. In ricordo della defunta madre, l’artista si è lasciato andare a una commovente esibizione dedicata alla Federazione Alzheimer Italia. Il motivo di questa dedica è presto detto: senza sua madre il cantautore non avrebbe mai potuto scrivere questo brano, con cui ha vinto il Festival di Sanremo nel 1982.

Riccardo Fogli: la canzone per i malati di Alzheimer

Questa canzone porta con sé tanti dolci ricordi legati a mia mamma e a una quotidianità che non c’è più“, ha spiegato Riccardo Fogli, intervenuto in occasione del IX Mese Mondiale: “Ho scelto di dedicarla alle persone con demenza e ai loro familiari, perché dietro la malattia ci sono sempre le persone ed è a loro che dobbiamo stare accanto. A loro va il mio abbraccio“.

Red Canzian e Riccardo Fogli
Red Canzian e Riccardo Fogli

Questo brano, uno dei maggiori successi da solista dell’ex Pooh, porta alla sua memoria tante immagini felici. Ad esempio l’artista racconta che mentre scriveva il testo con Guido Morra, sua madre si prendeva cura di loro cucinando i piatti della miglior tradizione toscana.

Riccardo Fogli ricorda la madre

Nel video l’artista ha ricordato che sua madre, dopo un incidente, inziò un lento allontanarsi. Vi erano momenti in cui era lucida, altri in cui non lo era. Ma rimaneva sempre la mamma. Per questo Riccardo ha voluto stringersi attorno alle persone con demenza e a tutte le persone che scelgono di prendersene cura, rimandendo al loro fianco nonostante il dolore derivato dalla perdita dei ricordi. Ci vuole coraggio, e per questo Fogli ammira ancora di più chi trova la forza di dare il proprio sostegno alle persone che soffrono per questa malattia. Di seguito il video dell’emozionante dedica del cantautore nativo di Pontedera:

TAG:
Riccardo Fogli

ultimo aggiornamento: 24-09-2020


GF Vip, Fausto Leali: “Espulsione eccessiva, non sono razzista”

Pupo censurato in Russia: “Sono considerato un sovversivo per parole come gregge”