Enzo Mazza, presidente Fimi, ha criticato il programma Rai Il cantante mascherato, messo a paragone con l’halftime del Super Bowl.

Il cantante mascherato è una ‘porcheria’. Questo almeno il pensiero di Enzo Mazza, presidente della Fimi, la Federazione Industria Musicale Italiana (famosa per le classifiche ufficiali degli album e dei singoli). Dopo aver assistito allo spettacolo dell’halftime show del Super Bowl 2021 l’imprenditore si è chiesto se non sarebbe il caso di imparare a fare spettacoli del genere piuttosto che importare programmi come quello di Rai 1.

Il cantante mascherato è una porcheria per il presidente Fimi

Parole durissime quelle di Enzo Mazza su Il cantante mascherato, il programma condotto da Milly Carlucci su Rai 1 e già arrivato alla seconda edizione.

Milly Carlucci
Milly Carlucci

Lasciando il proprio commento su Twitter, il presidente ha fatto discutere molto i social, dividendo i commenti tra i fan del programma e gli amanti della musica e dello spettacolo, quasi in toto d’accordo con lui: “Ma invece di importare porcherie come Il cantante mascherato, che peraltro sono pure un flop di ascolti, non potremmo imparare a fare show musicali come l’Halftime Show di questa notte?“. Questo il tweet:

Il cantante mascherato è un flop?

Per quanto riguarda il giudizio sulla qualità del programma, lo show di Rai 1 divide, e non può essere altrimenti. La definizione di ‘porcheria’ rientra nei gusti personali. Tuttavia, per poterlo definire un flop bisogna far parlare i numeri. Le prime due puntate dell’edizione numero uno del porgramma registrarono il 20,85 e il 19,53% di share. In questa seconda edizione hanno raggiunto il 16,15 e il 16,18%. Può bastare questo calo a far definire il programma di Milly Carlucci un flop?

Ai posteri l’ardua sentenza. Quel che è certo è che fin qui il programma ha fatto parlare soprattutto per i presunti malori dei Ricchi e Poveri che per il format in sé.


Miley Cyrus in lacrime durante la sua esibizione: c’entra Liam Hemsworth?

Ricchi e Poveri, il dramma di Franco Gatti: “Non riuscivo a respirare, ho avuto paura di morire”