Tutti i membri dei Pooh hanno espresso il loro dolore per la morte di Paola Toeschi, moglie di Dodi Battaglia: i messaggi sui social.

Il 6 settembre è purtroppo morta, dopo una lunga battaglia con un brutto male, Paola Toeschi, moglie di Dodi Battaglia. La notizia è stata data sui suoi account social dallo stesso storico chitarrista dei Pooh, con un laconico messaggio che ha espresso tutto il suo dolore per una dipartita non improvvisa, ma comunque sconvolgente. Al lutto dell’artista si sono aggiunti uno ad uno tutti gli altri membri dei Pooh, che hanno voluto tributare il loro omaggio pubblico a una donna meravigliosa.

Pooh
Pooh

Roby Facchinetti e Red Canzian per Paola Toeschi

Uno dei primi tra i componenti dei Pooh ad aver voluto esprimere tutto il proprio dolore per la dipartita è stato Roby Facchinetti, che ha parlato a nome della sua intera famiglia: “Profondamente addolorati, ci sentiamo vicinissimi a Dodi e alla figlia Sofia in questo dolorosissimo momento per la prematura scomparsa della loro amata Paola. Cara Paola, che tu possa riposare in pace e in serenità eterna“.

Anche Red Canzian ha scritto sui social a nome della sua intera famiglia: “Ciao Paola, il nostro dolore è grande, davvero grande, e preghiamo affinché sia dolce il tuo viaggo. Ti arrivi, cara Paola, il nostro abbraccio più sincero“.

Pooh: le parole di Riccardo Fogli per Paola Toeschi

Agli storici membri dei Pooh si è aggiunto anche Riccardo Fogli, che con il gruppo aveva iniziato la sua carriera e che in anni recenti si era unito nuovamente ai suoi ex compagni, conosceno da vicino anche la stessa Paola: “Oggi donna meravigliosa è andata in cielo. Sarà nelle mie preghiere“. La scomparsa della moglie di Dodi Battaglia arriva a meno di un anno da un altro brutto colpo per il club bolognese, la morte del batterista Stefano D’Orazio per le complicazioni dovute al Covid. Di seguito il suo post:

Pooh

ultimo aggiornamento: 07-09-2021


Inarrestabile Orietta Berti: la dura replica alle critiche di Umberto Tozzi

Morgan dopo l’incendio: “Voglio ospitare una o due famiglie sfollate”