Ozzy Osbourne, Ordinary Man: la recensione del dodicesimo album da solista dell’ex leader dei Black Sabbath.

Ozzy Osbourne ha deciso di dirci arrivederci, o addio, con un lavoro ordinario, almeno per un uomo che di ordinario ha ben poco. Lontani gli anni degli eccessi sabbattiani, o di quelli ancor più estremi da solista negli anni Ottanta, oggi Ozzy è un uomo costretto a fare i conti con se stesso, ormai convinto che non potrà sfuggire alla fine ancora a lungo, come fatto invece in passato.

Ma in questo disco, denso di nostalgie, malinconie ma anche di immancabile senso dell’umorismo, il buon Osbourne ci vuole far capire che la fine non è ancora così vicina.

Ozzy Osbourne, Ordinary Man: la recensione

Undici tracce, di cui molte già familiari alle orecchie dei fan, in quanto lanciate come singoli nei mesi scorsi. Tante collaborazioni (da Duff McKagan a Chad Smith) e qualche featuring esplicito, come quelli con Elton John e Post Malone.

I due estremi del dodicesimo progetto di Ozzy se vogliamo: da un lato un grande ‘vecchio’ della musica mondiale, tanto lontano a lui per stile quanto vicino per carisma; dall’altro una giovane leva della musica ‘ribelle’.

Ozzy è infatti consapevole di aver già dato quasi tutto, ma è ancora desideroso di costruire un ponte col futuro. Un futuro che oggi come mai è in mano ad artisti come Malone, che del rock hanno ereditato quantomeno la straordinaria attitudine.

Ozzy Osbourne
Ozzy Osbourne

Musicalmente questo album è ordinario, per quello che è stata la carriera di Mr. Osbourne. Meno lineare forse rispetto ai parenti più recenti, come Scream, ma di certo dall’impatto non esplosivo come i classici alla Bark at the Moon.

Si sente in qualche modo l’assenza di Zakk Wylde alla chitarra, ma i sostituti si rivelano tutti all’altezza. Oltre a Slash e Tom Morello, anche Andrew Watt, producer dell’intero disco, fa la sua buona figura.

Tanti i momenti godibili del disco (compresa qualche citazione, sia testuale che musicale, alla sua produzione precedente con i Sabbath e da solista), pochi i passaggi a vuoto.

Tra tirate hard ‘n’ heavy di vecchio stampo, un pezzo dalla disordinata attitude punk (It’s a Raid con Post Malone) e tante ballate emozionanti e potenti, l’album scorre liscio dall’inizio alla fine, come a volerci accompagnare verso quella fine inevitabile verso cui Ozzy sembra doversi avviare. Ma sarà davvero questo il suo epitaffio?

Ordinary Man: la tracklist

1 – Straight to Hell

2 – All My Life

3 – Goodbye

4 – Oridnary Man (feat. Elton John)

5 – Under the Graveyard

6 – Eat Me

7 – Today Is the End

8 – Scary Little Green Men

9 – Holy for Tonight

10 – It’s a Raid

11 – Take What You Want

Top: Under the Graveyard

Flop: Eat Me, Holy for Tonight

Voto: 8

Di seguito l’audio ufficiale di Under the Graveyard:

TAG:
news Ozzy Osbourne recensione strillo

ultimo aggiornamento: 21-02-2020


Un museo del rock italiano a Zocca: l’idea di un imprenditore per omaggiare Vasco Rossi

Le migliori canzoni di Tiziano Ferro