Nicki Minaj ha dato al mondo il suo primo figlio: per poter assistere al parto della rapper il marito Kenneth Patty è stato rilasciato momentaneamente dal carcere.

Nicki Minaj è finalmente una mamma! La rapper americnaa ha dato alla luce il suo primo figlio. Non si conosce ancora il nome, né il sesso, e manca l’annuncio ufficiale dell’artista per il momento, ma la notizia è stata rilanciata da tutti i media americani specializzati nella musica e nel gossip, come Billboard e People. Stando a quanto riportato da TMZ, per poter assistere al parto è stato anche accordato un permesso speciale al marito Kenneth Petty, attualmente in carcere!

Nicki Minaj: è nato il primo figlio

La rapper di Anaconda è diventata madre. L’artista aveva annunciato negli scorsi mesi di essere in dolce attesa, mostrando anche il suo bel pancione. A quanto pare l’erede è evenuto al mondo il 30 settembre a Los Angeles.

Nicki Minaj
Nicki Minaj

Il marito della Minaj, Kenneth Petty, ha chiesto un permesso speciale alle autorità per poter assistere alla nascita, essendo attualmente in carcere. Permesso che è stato accordato al 37enne da un giudice di buon cuore, come riferito dal sito TMZ.

Nicki Minaj madre: a quando l’annuncio?

L’artista non ha ancora condiviso con i fan la lieta novella, che è stata invece riportata da tutti i magazine specializzati. Sul suo account social gli ultimi aggiornamenti risalgono ancora al servizio fotografico firmato da David LaChappelle, che mostra la rapper come una novella Venere di Botticelli in versione pischedelica. Una serie di foto che avevano fatto il giro del mondo conquistando i like sia degli amanti della musica della rapper, sia di coloro che invece guardano più da lontano la sua carriera. Ecco uno dei famosissimi scatti:

View this post on Instagram

And finally, by #DavidLaChapelle 🙏

A post shared by Barbie (@nickiminaj) on

TAG:
Nicki Minaj

ultimo aggiornamento: 02-10-2020


Il Codacons denuncia Elton John: era a Capri senza mascherina

Tiziano Ferro lancia una manifestazione contro l’odio: “In Italia si muore ancora di segregazione”