Paul Stanley piange per la scomparsa del padre: l’annuncio del cantante dei Kiss, che saluta il genitore morto a 101 anni.

Brutte notizie in casa Kiss. Paul Stanley piange per la morte di una persona molto importante nella sua vita, il padre William Eisen. Ad annunciarlo è stato lo stesso Stanley Bert Eisen, questo il vero nome della rockstar. William aveva 101 anni e aveva sempre sostenuto il figlio, dandogli supporto e aiuto in tutte le fasi della sua vita e della sua carriera. Anche per questo l’artista ha voluto omaggiarlo pubblicamente con parole che sono arrivate dritte al cuore dei fan.

Paul Stanley
FONTE FOTO: https://www.instagram.com/paulstanleylive/

Kiss, Paul Stanley: morto il padre

Su Twitter Stanley ha reso noto a tutti che il padre Williams e n’è andato. A toglierglielo è stato lo scorrere inesorabile del tempo, unica ‘malattia’ che non può essere curata in alcun modo. Queste le dolci parole utilizzate dalla rockstar: “Mio padre, William Eisen, ha lasciato questa terra dopo 101 anni e 7 mesi. La sua sete di conoscenza non è mai venuta meno. Poteva parlare praticamente di qualsiasi argomento. Il suo orgoglio per i miei successi è sempre stato commovente, così come vedere il suo amore per la mia famiglia. Ha detto che sarebbe sempre stato al mio fianco,e lo continuerà a esserlo“. Di seguito il suo tweet:

Scia di lutti e polemiche per Kiss

Non è un momento felice per la band americana, che solo poche settimane fa aveva dovuto salutare un backliner, Francis Stueber, morto a 53 anni a causa del Covid-19. Una scomparsa che aveva scatenato molte polemiche in America per via di possibili scarsi controlli e poca attenzione ai protocolli sanitari durante i loro concerti. Quasi contemporaneamente la band ha dovuto anche rinunciare alla propria residency a Las Vegas, forse per scarsità di biglietti venduti.

FONTE FOTO: https://www.instagram.com/paulstanleylive/

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 08-11-2021


Ghali e Salvini, volano insulti durante il derby Milan-Inter: cosa si sono detti

Maneskin, l’affondo dei Cugini di Campagna: “Non faranno la storia”