I Maneskin si sono guadagnati un Tapiro d’oro di Striscia la notizia: il tg satirico provoca il gruppo romano.

Sanremo va bene, l’Eurovision anche, gli Ema emozionano. Ma alla collezione quasi ineguagliabile dei Maneskin mancava un premio in grado di fare davvero la differenza. Ora è arrivato. Il 13 dicembre la band romana ha ricevuto dall’inviato di Striscia la notizia Valerio Staffelli il primo Tapiro d’oro personalizzato della propria carriera. Un riconoscimento prestigioso in un anno, questo 2021, che Damiano, Victoria e compagni non dimenticheranno mai nella loro vita.

Maneskin
Maneskin

Maneskin: Tapiro d’oro conquistato

Tanti i temi toccati nel breve incontro tra la band e Staffelli. Dopo aver sottolineato quanto sia stato bello suonare con i Rolling Stones e conoscere Mick Jagger, i ragazzi sono stati provocati su un tema molto scottante: “Vi sentite più come i Pooh del nuovo millennio o i Cugini di campagna?“. Una domanda non casuale, visto che il gruppo di Anima mia negli scorsi mesi li ha più volte accusati di aver copiato i loro look. E anche per questo la risposta è stata scontata: “Ovviamente i Cugini di campagna… ci piacciono i loro vestiti“.

L’amore dei Maneskin per Roma

Un siparietto molto divertente quello della band romana che, dopo aver conquistato Sanremo nel 2021 con Zitti e buoni, si è imposta a livello globale grazie a un enorme trampolino di lancio, l’Eurovision Song Contest. Un successo che li ha portati a diventare delle star negli Stati Uniti, al punto da far pensare a un loro trasferimento definitivo. Ma i quattro ragazzi su questo punto hanno le idee molto chiare, almeno per ora: “Roma non si abbandona“. Una dichiarazione d’amore vera e propria per la band di Damiano, che non vuole rinunciare alle proprie radici anche ora che ha toccato il cielo con un dito.

Di seguito il video di Zitti e buoni:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Maneskin

ultimo aggiornamento: 15-12-2021


Povia lancia la sfida: “Vi do un milione se lo dimostrate…”

Bufera su Blanco, protagonista a Sanremo 2022: “Mi copia e poi…”