Jennifer Lopez festeggia la nomination ai Golden Globe 2020, postando un video su Instagram in cui si mostra senza trucco.

C’è qualcosa che Jennifer Lopez non può fare? Dopo aver imparato a ballare la pole per il suo ruolo in Le ragazze di Wall Street – Business Is Business, la cantante cinquantenne, attrice e modella di Versace, si è guadagnata una nomination ai Golden Globe 2020.

J. Lo si è collegata ad Instagram per celebrare questo importante evento, condividendo una foto con i suoi figli, mostrando la sua incredibile e impeccabile pelle, pur senza trucco.

Casa dolce casa. Seduta qui con i miei bambini, mi sento così fortunata“, ha scritto, ringraziando la Los Angeles Film Critics Association per averle assegnato la nominatioon come miglior attrice non protagonista per il ruolo di Ramona nel film.

Jennifer Lopez senza trucco su Instagram: foto e video

Jennifer Lopez sembra altrettanto glam senza trucco e ci sono le prove a dimostrarlo.

La star di Marry Me ha postato su Instagram con un selfie con i suoi due figli, con un look casual e senza trucco.

Ecco la foto:

Esatto: niente mascara, niente ciglia finte, niente rossetto e ombretto. Bisogna tener presente che ha 50 anni e una pelle così è davvero incredibile.

Allo scatto, è seguito anche un video in cui ha fatto i dovuti ringraziamenti, visibilmente emozionata:

J.Lo perfetta senza make up: ma come fa?

Se stai pensando che J.Lo a 50 anni sembra migliore di te, probabilmente hai ragione. Ma non è facile: la performer è madre di due figli, non beve alcolici, non fuma e non prende caffè. Cosa rende così perfetta la sua pelle? Semplice: dormire.

Il consiglio numero uno è di dormire sempre abbastanza. Non posso stressarla“, ha detto a InStyle US nel 2018, “Mi piacerebbe dormire nove o 10 ore, ma – al di là di questo – mi assicuro sempre di riposare per almeno otto“.

Jennifer Lopez
Jennifer Lopez
TAG:
Jennifer Lopez people

ultimo aggiornamento: 11-12-2019


Roxette: addio alla cantante Marie Fredriksson

Fedez, le rivelazioni su J-Ax e Rovazzi gli costano caro: ecco perché