James Senese, morta la moglie Rina: il musicista partenopeo sospende la sua attività dal vivo di fine estate.

Un tremendo lutto ha colpito James Senese, sassofonista napoletano e protagonista assoluto della grande epoca del Neapolitan Power durante gli anni Settanta. La moglie Rina è morta il 24 agosto, nella notte, lasciando un vuoto enorme in tutte le persone che le volevano bene. La donna, di cui non si conoscono molte informazioni, aveva festeggiato a luglio il suo compleanno. Massimo riserbo da parte dell’artista, che non ha voluto commentare la notizia né dare informazioni riguardo il decesso. Una delle sue date estive di fine agosto è stata però spostata a data da definirsi.

Morta Rina Senese, la moglie di James

Un dolore tremendo affligge in questi giorni il noto sassofonista, famoso per aver spesso lavorato con Pino Daniele ma anche per essere stato il leader dei Napoli Centrale, una delle formazioni più importanti in ambito jazz-rock in Italia.

Sassofono jazz
Sassofono jazz

A dare notizia del decesso è stata la figlia di James e Rina, Anna Senese, che su Facebook ha pubblicato un brevissimo messaggio inequivocabile: “Cara mamma non è un addio, ma un arrivederci. Riposa in pace mammina mia“.

James Senese sospende il tour estivo

In questi giorni non sono arrivati commenti da parte del musicista partenopeo di origine americana, ma sulle sue pagine social è stata comunicata ufficialmente la sospensione dei suoi prossimi concerti in questi giorni di grande dolore e di lutto.

Si comunica che per grave lutto familiare il concerto previsto di Rutino (SA) è stato spostato a data da definirsi“, si legge in uno stringatissimo messaggio apparso su Facebook. Non resta quindi che attendere ulteriori informazioni. Ci stringiamo, metaforicamente, attorno a James e al suo dolore per la gravissima perdita, augurandoci di rivederlo il prima possibile sul palco.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-08-2022


Fedez parla della vita dopo l’operazione: “Non posso più fare il pazzerello”

Sfregiato il murale dedicato a Raffaella Carrà a Roma: “Ennesima vergogna”