Tanti auguri Gianna Nannini, l’anima rock italiana

Alla scoperta di Gianna Nannini, la rocker ribelle che non ha mai smesso di sfidare sé stessa e il mondo.

Gianna Nannini (14 giugno 1956) è sicuramente l’anima più rock della musica italiana. La cantante ha sempre colpito per la sua indipendenza e per la sua aria da ribelle, ma i testi delle sue canzoni mettono in mostra una sensibilità fuori dalla norma e una inaspettata vena poetica.

Andiamo ora alla scoperta di alcune curiosità sulla carriera e sulla vita privata di Gianna Nannini.

La carriera di Gianna Nannini: la tennista con la passione per le moto

Spirito da rocker sin da ragazza, Gianna Nannini più che per la passione per la musica è cresciuta con quella per i motori. Già a sedici anni sfrecciava a bordo della sua prima moto che, come la cantante ha rivelato, è stata spesso fonte d’ispirazione anche per la sua musica e per i suoi testi, merito di quel senso di libertà, indipendenza e adrenalina che solo le due ruote ti sanno regalare.

GIANNA NANNINI
GIANNA NANNINI

Non solo le moto. Gianna Nannini infatti aveva di fronte a sé una carriera… da tennista! La ragazza giocava a livello agonistico e pare se la cavasse anche abbastanza bene, poi un 6-0 rimediato a un torneo la convinse ad appendere la racchetta al chiodo. Nel tempo libero aiutava i genitori nell’attività di famiglia, una pasticceria. Ai microfoni di Che Tempo Che Fa la cantante ha raccontato che l’origine della sua voce roca è da rintracciarsi a un incidente avvenuto proprio mentre lavorava in pasticceria:

Lasciai nella macchina per i ricciarelli le falangi del medio e dell’anulare della mano sinistra. Finirono nell’impasto dei dolci, ma nessuno li ha mangiati; li ritrovarono il giorno dopo, troppo tardi per riattaccarli. Cacciai un urlo terribile, la voce roca mi è venuta allora“. L’incidente ebbe delle ripercussioni anche sulla sua carriera: viene bocciata all’esame di pianoforte al conservatorio, poi lo avrebbe passato grazie alle protesi.

A notare Gianna Nannini sarebbe stata poi Mara Maionchi, la celebre discografica, ma i primi risultati ottenuti dalla cantante furono disastrosi. Il primo approccio con il grande pubblico fu in occasione di un concerto di Guccini. Le canzoni della Nannini vennero accolte… da un lancio di pomodori da parte del pubblico!

[amazon_link asins=’B075MSHPFM,B075DG272N,B010WE5AOO,8804669977′ template=’ProductCarousel’ store=’deltapictures-21′ marketplace=’IT’ link_id=’bc8e1818-6ef2-11e8-a8cf-453cdcc7500d’]

La vita privata di Gianna Nannini: Carla e Penelope gli amori di una vita

Dichiaratamente lesbica, Gianna Nannini è innamorata della sua compagna Carla, donna riservata ma sempre presente nella vita della cantante. Molto discussa la scelta della rocker di avere una gravidanza a oltre cinquant’anni. Dopo la nascita della figlia di Gianna Nannini, Penelope, la coppia ha deciso di trasferirsi a Londra per far sì che la figlia possa godere dei diritti che non le sono riconosciuti ad oggi in Italia.

La cantante ha rivelato di aver avuto rapporti anche con uomini e si è definita una pansessuale. Un rapporto particolare Gianna Nannini ha rivelato di averlo anche con la masturbazione: “La masturbazione per me è sempre stata fondamentale, ancora lo è – ha dichiarato la cantante ai microfoni de Il Corriere della Sera. 

“Papà vide quell’arnese e lo confuse con un missile. Quando il Corriere di Siena gridò alla scandalo, capì la verità. Così scrisse una lettera di fuoco a Mara Maionchi, per ordinarle di togliere il cognome di famiglia dal disco“. E fu così che per un periodo la ragazza adottò lo pseudonimo di Patrizia Nanni.

Di seguito il video di Fenomenale di Gianna Nannini:

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 13-06-2018