Fiorello: la sua versione sulla lite con Tiziano Ferro a Sanremo

Fiorello su Tiziano Ferro: “Ha scatenato una campagna d’odio, ci sono stato male”

Fiorello spiega ai microfoni di The Post International la sua versione dei fatti sulla lite con Tiziano Ferro.

Sembrava finita. E invece no. La querelle Tiziano Ferro-Fiorello non è stata gonfiata più del dovuto. Nonostante Amadeus abbia provato a fare da paciere, pare che lo showman sia ancora in collera per quanto accaduto.

Attaccato da Selvaggia Lucarelli su The Post International, con un pezzo che gli dava del permaloso, Rosario ha contattato la giornalista per spiegare la sua versione dei fatti. Ecco quello che è venuto a galla.

La versione di Fiorello sulla lite con Tiziano Ferro

Non è giusto darmi del permaloso come se mi fossi arrabbiato per nulla“, esordisce Fiorello, che tiene alla sua reputazione, “accetto le critiche, accetto che si dica che non faccio ridere, qualunque cosa, ma Tiziano Ferro ha fatto una cosa che non si fa“.

La questione è delicata, e Rosario prova a spiegarla meglio, tirando in ballo anche un intervento di Ferro a Che tempo che fa. Nell’occasione, l’artista aveva dichiarato che le parole hanno un peso.

E proprio per questo Fiore insiste: “Dopo che ha lanciato sul palco l’hashtag fiorellostattezitto ho ricevuto insulti tremendi per 24 ore. Tu lanci un hashtag dal palco di Sanremo e sai cosa scateni, come se poi fosse colpa mia se ci sono 50mila ospiti e si fa tardi la sera. Noi parliamo tanto di cyberbullismo e non valutiamo le conseguenze? C’è un vigile che si è suicidato in questi giorni per gli attacchi sul web“.

Rosario Fiorello
Rosario Fiorello

Fiorello contro Tiziano Ferro

Secondo Rosario, la sua non è un’esagerazione, e afferma di aver ricevuto commenti come ‘devi morire perché il nostro Tiziano deve cantare‘, ‘la star è lui!‘. Cose di questo genere.

E non vuole parlare di gesto innocente o privo di malizia, lo showman siciliano: “Quindi non è responsabile? Lui lancia un hashtag, lo immagina che i suoi fan lo seguiranno e mi insulteranno. Ha fatto una cosa grave. Ha lanciato una campagna d’odio nei miei confronti”.

Ad ogni modo, Ciuri afferma che non gli interessa la polemica, ma non vuole passare per permaloso. Solo che vuole far capire che bisogna stare attenti, c’è gente debole che se viene messa alla berlina non regge. La sua è una lezione di vita: “Tiziano deve capire, deve crescere anche lui. Io sono stato male per gli insulti“. La sua presenza stasera sul palco è comunque confermata. Chissà se le scuse di Ferro alla fine saranno servite a qualcosa…

Questo il monologo di Tiziano citato da Fiore:

ultimo aggiornamento: 07-02-2020