Dopo aver subito un duro contrattacco da Salmo, Fedez è tornato alla carica spiegando al rapper sardo perché ha sbagliato e si è dimostrato un “narcisista pericoloso”.

Salmo è uno stron*o! Parola di Fedez. Continua il dibattito a distanza tra il rapper sardo e quello milanese, alimentato dalle polemiche derivate dal concerto organizzato dall’artista di Olbia nella sua città in maniera improvvisata e senza alcun rispetto per le regole anti-Covid. Un evento di protesta che Marcello (questo il vero nome di Salmo, 37 anni) ha volutamente messo in piedi per provocare e alzare la voce sull’incoerenza di certe limitazioni. Il risultato fino a questo momento è stata però solo una pioggia di critiche che ha dato vita a uno dei dissing più ‘violenti’ degli ultimi anni nel mondo del rap italiano!

Salmo e Fedez
Salmo e Fedez

Fedez risponde alle accuse di Salmo

Nelle ultime ore il rapper sardo aveva attaccato Fedez affermando che gli sta sulle scatole e che non ha voluto partecipare alle sue iniziative benefiche solo per questo motivo. Parole che hanno trovato pronto alla replica il rapper milanese. In alcune storie su Instagram la voce di Bella storia ha affermato di non essere stupito che Salmo non abbia rispettato le regole, ma di esserlo perché non ha rispettato le persone.

Dopo avergli quindi spiegato che tutto è politica quando coinvolge la vita e il lavoro dei cittadini, il rapper è passato al contrattacco: “Visto che ti stai chiedendo se stai discutendo con un artista o con un politico, ti rispondo: stai discutendo con un adulto. Contribuire ad alzare il livello di rischio sanitario di una regione sostenendo pure di farlo per aiutarla non fa di te un artista, ma un nacisista e anche del tipo più pericoloso, perché evidenzia che in te mancano l’empatia e la maturità necessarie per proteggere la collettività. Prenditi le tue responsabilità, sei adulto e vaccinato (spero)“.

La durissima critica di Fedez a Salmo

Nelle sue storie il rapper sardo aveva anche spiegato come ha organizzato l’evento. Un modo, secondo Fedez, di far vedere come ha “preso per il cu*o” la sua città e la sua isola. Ma adesso il rapper milanese si chiede cosa farà concretamente per sostenerla. Perché quanto fatto finora, con una donazione di 10mila ulivi che, secondo l’associazione Treedom, è del tutto inutile, perché serviranno almeno cinque anni per poterli piantare sulle terre bruciate, non è abbastanza.

Te lo avevo detto, ma tu ovviamente non mi hai ascoltato, perché ti sto sul ca**o“, ha continuato Federico (vero nome di Fedez, 31 anni), aggiungendo in risposta alle parole del collega sardo: “Se non sei disposto a mettere da parte le tue antipatie personali per il bene del Paese, di chi ascolta la tua musica e viene ai tuoi concerti e di chi lavora perché tu possa esibirti dal vivo non sei un artista, sei uno stron*o“.

Di seguito le storie del rapper milanese:

Fedez salmo

ultimo aggiornamento: 16-08-2021


Concerto Salmo a Olbia, anche Ermal Meta si schiera: “Non sono un artista…”

Madonna festeggia i suoi 63 anni in Italia: le foto diventano virali sui social