Federico Bernardeschi ha firmato per la Roc Nation Sports, agenzia di management fondata dal rapper Jay-Z.

Jay-Z ha messo sotto contratto… Federico Bernardeschi! No, il rapper non ha scelto di darsi al calcio, né ha acquistato un team americano in cui far giocare l’attaccante della Juventus. Né dal canto suo Bernardeschi ha scelto di darsi alla musica, almeno per ora.

Semplicemente, il calciatore bianconero è diventato il primo italiano a firmare un accordo con la Roc Nation Sports, agenzia di management che è stata fondata alcuni anni fa proprio da Mr. Carter, e che vanta già un roster di primissimo livello.

Federico Bernardeschi firma con la Roc Nation di Jay-Z

Ad annunciare il nuovo accordo è stata la stessa agenzia del rapper americano, che ha pubblicato un bel post sui social. Si tratta di una grande prima volta: mai fino a questo momento l’agenzia aveva infatti messo sotto contratto uno sportivo italiano.

Per lui, la Roc Nation Sports curerà i diritti d’immagine, come qualunque altra agenzia di management. E chissà che non possa scegliere di farlo partecipare anche a qualche nuovo progetto musicale del rapper marito di Beyoncé. Di seguito il post pubblicato dal gruppo di Jay-Z:

Jay-Z: gli altri big nel suo roster

Fondata nel 2013 da Jay-Z, la Roc Nation Sports, in collaborazione con la Creative Artists Agency, rappresenta già diversi personaggi di straordinaria importanza nel mondo dello sport.

Tra gli atleti nel suo roster troviamo ovviamente star dell’NBA, come Kevin Durant e Kyrie Irving, della NFL (il massimo campionato di football americano) e della MLB (il massimo campionato di baseball in America), ma non mancano calciatori di fama internazionale come Kevin De Bruyne, Jerome Boateng. E anche nell’ambito della Serie A Bernardeschi va a raggiungere un altro top player: Romelu Lukaku, bomber belga dell’Inter.

Federico Bernardeschi
Federico Bernardeschi
TAG:
Jay-Z

ultimo aggiornamento: 21-05-2020


Ariana Grande ricorda le vittime di Manchester a 3 anni dall’attentato

Papa Francesco cita Fabrizio De André nella prefazione di un libro sulla pandemia