Eros Ramazzotti, nuovo look: ecco la rasatura ‘tribale’ che ha sconvolto i fan del cantautore romano.

Eros Ramazzotti ha sconvolto i fan con un look davvero audace! Il cantautore romano, che non è nuovo a tagli di capelli bizzarri, ha deciso di inaugurare la nuova fase di emergenza Coronavirus, con la riapertura di barbieri e parrucchieri, rischiando con un taglio davvero intrigante.

Il suo nuovo look è stato immediatanemte mostrato dall’artista sulle stories di Instagram, e la sua foto ha fatto presto il giro del web e dei social: guardiamola insieme!

Eros Ramazzotti, nuovo look: la foto della rasatura

Quando l’arte supera la fantasia“, ha scritto Eros nella storia di Instagram, mostrando una rasatura che potremmo definire ‘tribale’. Che possa essere ispirata a qualche tatuaggio o magari ai look di alcuni giocatori della Juve, la sua squadra del cuore? Per il momento non lo sappiamo.

Quel che è certo è che questo nuovo taglio ha conquistato i fan, sempre pronti ad applaudire il suo coraggio e la sua voglia di osare. Ecco la nuova capigliatura di Eros:

Eros Ramazzotti, il Coronavirus e i gossip sulla sua relazione

In questi giorni di emergenza Coronavirus Eros è stato spesso protagoniste delle testate giornalistiche, ma non per la sua musica. Il cantante, rimasto bloccato in America e costretto ovviamente a cancellare le restanti date del suo tour, ha infatti dominato i settimanali scandalistici per la sua presunta storia con Roberta Morise.

Non solo. L’artista è stato anche uno dei più attivi nel sottolineare quanto con il Coronavirus non ci fosse e non ci sia tuttora da scherzare, dando tra l’altro voce a un’infermiera che ha vissuto in prima linea la fase peggiore della lotta al Covid-19 e che è ovviamente preoccupata per un possibile ritorno di quello che è stato un vero e proprio incubo.

Eros Ramazzotti
Eros Ramazzotti
TAG:
Eros Ramazzotti people

ultimo aggiornamento: 19-05-2020


Tekashi 6ix9ine attacca Ariana Grande: “Ha comprato il numero 1 in classifica”

I Pinguini Tattici Nucleari sono entrati nell’Enciclopedia Treccani