Ermal Meta e Fabrizio Moro: “Siamo senza macchia”

Ermal Meta e Fabrizio Moro difendono la loro vittoria a Sanremo, schernendosi dall’accusa di plagio che aveva creato una polemica social.

Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno sicuramente fatto parlare di loro prima, dopo e durante il Festival di Sanremo 2018. Dati per vincitori da tutti i bookmakers, poi sospesi, poi riammessi, e infine, vincitori. Il brano incriminato è Non mi avete fatto niente, che prima di portare Ermal Meta e Fabrizio Moro alla vittoria li aveva portati alla sospensione, con annessa indagine per presunto plagio. A Domenica In i due cantanti si sono difesi, definendo il loro un successo “senza macchia” e per questo meritato.

Ermal Meta e Fabrizio Moro a Sanremo 2018

Fabrizio Moro ha dichiarato ai microfoni di Domenica In che la stampa dovrebbe essere la prima a non gridare allo scandalo, e a fare le dovute verifiche prima di lanciare ipotesi e accuse:

“La paura non c’è mai stata in questa settimana perché affrontato con trasparenza e abbiamo chiarito tutto, innanzitutto parlandone con Andrea Laffranchi al Corriere della Sera e raccontando che c’era un terzo autore […] L’unica cosa che incrimino è che bisognerebbe approfondire prima di far passare certe cose: Andrea non conosceva la genesi del brano e se non la spieghi bene chi è addetto ai lavori magari capisce – a volte, non sempre – ma chi sta a casa no, perché non sa come funziona questo tipo di percorso” ha precisato il cantautore romano.

Ermal Meta e Fabrizio Moro
Fonte Foto: https://www.instagram.com/rairadio2/

Domenica In: Ermal Meta e Moro si difendono dalle polemiche

Fabrizio Moro e Ermal Meta hanno anche aggiunto che il problema fondamentale del loro brano sarebbe stato strettamente legato al concetto di inedito, che ormai non esisterebbe più se non a Sanremo. Meta ci ha tenuto particolarmente a difendere l’originalità del pezzo:

“Non era mai stata messa in vendita, mai stata commercializzata: gli autori fanno sempre cose del genere, rimaneggiano, riscrivono, salvano pezzi di canzoni, perché lasciare morire la bellezza è un peccato” e ha aggiunto Ho chiesto scusa ai giornalisti per la foga, ma mi avevano parlato di una macchia sull’’eventuale vittoria. Se è una canzone che proviene dallo stesso luogo creativo, quale sarebbe questa macchia? Per questo mi sono arrabbiato.”

La vittoria del duo era già stata nell’occhio del ciclone ancora prima dell’inizio del prestigioso Festival, quando Morgan li avevi presi di mira in un’intervista a Web Tv.

Fonte Foto: https://www.instagram.com/rairadio2/

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 12-02-2018