Tra atmosfera imperiale e stile asburgico, il concerto di Vienna è uno degli appuntamenti tradizionali imperdibili per gli austriaci e non solo, trasmesso in mondovisione e seguito in diretta da milioni di persone.

Vienna, città imperiale, ospita tutti gli anni il concerto di fine anno per antonomasia, considerato uno dei più famosi e riconoscibili concerti di musica classica al mondo. Dal 1939 sono tre gli appuntamenti ai quali poter assistere, il 30 dicembre, il 31 dicembre e il 1 gennaio: lo spettacolo è sempre lo stesso, così come l’atmosfera regale e unica.

Ciò che cambia è la disponibilità dei biglietti: per il concerto di capodanno vige la regola di soli due a testa, mentre per le altre due date c’è più possibilità visto che, in ogni caso, vengono estratti a sorte. Ecco, quindi, grazie ai  e come provare ad assistere al concerto.

Capodanno
Fonte foto: https://pixabay.com/it/fuochi-d-artificio-razzo-574739/

La storia del concerto di Vienna

Interrotto solo nel 1940 per l’instabilità politica dell’epoca, il concerto di Vienna va in scena ogni anno senza sosta dal 1939: la volontà di mettere in scena un concerto di fine anno fu del direttore d’orchestra del tempo che volle trovare un’occasione speciale da dedicare a Johann Strauss, il celebre compositore austriaco di musica da ballo e operette.

Come ogni anno, il concerto è ospitato all’interno del Musikverein, una sala da concerti di musica classica non solo rinomata per la sua acustica perfetta, ma anche per il suo stile ispirato all’antichità classica, tra rilievi dorati, fiori e colonne.

Se l’orchestra è la Wiener Philharmoniker, ogni anno, il podio del direttore d’orchestra vede alternarsi alcuni dei migliori del mondo: da Riccardo Muti a Christian Thieleman, da Gustavo Duhamel a Andris Nelsons, con qualche eccezione dovuta al fatto che alcuni maestri occupano più volte il prestigioso podio, come Riccardo Muti, spesso ospite.

Diventato ormai un appuntamento imperdibile, viene trasmesso in mondo visione in oltre 90 paesi: perfetto per dare l’addio al vecchio anno e il benvenuto a quello nuovo.

Concerto di Vienna: cosa c’è da sapere?

Le date

Se l’appuntamento top è considerato quello del 1 gennaio, gli appuntamenti per assistere al concerto di Vienna sono tre: la prova generale va in scena il 30 dicembre alle 11:15, la serata successiva c’è l’appuntamento con il concerto di San Silvestro e quello successivo con quello di capodanno, sempre alle 11:15. Non c’è alcuna differenza: si tratta di tre repliche identiche, sia per quanto riguarda il programma che per l’orchestra e per il direttore.

Cambiano però le disponibilità dei biglietti: per il giorno di capodanno è possibile acquistare al massimo due biglietti a persona, mentre nelle altre due date non ci sono limitazioni. Sembra tutto così facile, no? A parte il fatto che i biglietti si possono acquistare solo se si è stati estratti dopo aver partecipato alla lotteria.

La richiesta, infatti, è così alta che ogni anno vengono estratti a sorte i fortunati che potranno assistere al concerto. Per sapere di essere o meno tra i fortunati, chi ha partecipato all’estrazione verrà contattato entro il mese di marzo.

Il programma musicale

Lo spettacolo è articolato in due atti: in entrambi vengono proposte le musiche dei componenti della famiglia Strauss, tra valzer e brani di operette. Niente a che vedere con le migliori canzoni per festeggiare il capodanno a cui siamo abituati tra locali e discoteche: a Vienna è tutto improntato sulla musica classica, tra grandi compositori e brani famosi. Il concerto, infatti, si chiude sempre allo stesso modo: ovvero con una polka veloce a cui segue il brano “Sul Bel Danubio Blu” e infine la Marcia di Radetzky, accompagnata dal battimani del pubblico.

Prezzi dei biglietti

Il prezzo dei biglietti varia in base alla tipologia del posto e ovviamente anche in base alla data: per l’anteprima del 30 dicembre, i prezzi oscillano tra i 20,00 € e i 500,00 €, mentre per la serata di San Silvestro si arriva a 800,00 €. Ancora più alti i prezzi per il 1 gennaio con posti oltre le 1.000,00 €.

E’ possibile assistere gratuitamente al concerto?

No, non stiamo parlando di accedere la tv, ma di assistere al concerto dal vivo, a Vienna. Davanti al Municipio, infatti, vengono allestiti dei maxi schermi dove il concerto viene trasmesso per due volte, una in diretta alle 11:15 e una alle 14:00. Lo stesso accade nella piazza dell’Opera di Vienna.

Come organizzare il viaggio di capodanno a Vienna

Seguiamo adesso i consigli delle guide di Capodannissimo, su come organizzare bene un viaggio di capodanno a Vienna.

Se avete i biglietti per il concerto, allora dovrete organizzarvi per tempo per volare a Vienna per capodanno. Ecco alcuni consigli perché tutto sia organizzato alla perfezione:

  • Come arrivare: collegamenti aerei low cost con easyJet e Ryanair, in auto o con Flexibus
  • Dove dormire: i quartieri consigliati sono Leopolstadt, Wieden o Neubau
  • Dove festeggiare: fuochi d’artificio a Silvesterpfad o al Prater

Ed infine non perdetevi una fetta di torta Sacher, simbolo indiscusso della città e delle sue prelibatezze.

ultimo aggiornamento: 07-10-2021


Chi era Pierangelo Bertoli, il cantastorie dell’Emilia

Chi è Nava, l’artista persiana di X Factor 2021