Roberto Colombo: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità sul tastierista, compositore e arrangiatore che ha collaborato anche con la PFM.

Tra i grandi nomi della musica italiana merita spazio Roberto Colombo. Musicista, ma anche arrangiatore esperto e produttore di buon gusto, ha potuto nella sua carriera collaborare con la Premiata Forneria Marconi e altri importanti artisti, anche se il suo nome resta legato indissolubilmente anche alla sigla storica di Beautiful. Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Roberto Colombo

Roberto Sergio Colombo è nato a Milano il 29 aprile 1951 sotto il segno del Toro. Appassionato di musica fin da giovane, si è fatto apprezzare durante la sua carriera soprattutto per i suoi lavori di sonorizzazione di programmi televisivi e radiofonici.

Tastiera
Tastiera

Ha ad esempio composto il motivo di accompagnamento della sigla delle prime edizioni italiane di Beautiful. Tra le sue composizioni ricordiamo però anche Viaggiando, sigla del programma RadioStereoNotte, e non vanno sottovalutati i jingle del telegiornale Studio Aperto.

La sua carriera artistica si è però sviluppata anche su un binario più tradizionale. Ha lavorato con la Premiata Forneria Marconi e ha arrangiato i lavori di fine anni Settanta di Ivan Cattaneo. Come solista, ha pubblicato tre album progressive, molto influenzati da Frank Zappa, nella seconda metà degli anni Settanta: Sfogatevi bestie, Botte da orbi e Astrolimpix. Di seguito la sua Sono pronto:

Cosa fa oggi Roberto Colombo? Continua a essere un apprezzato produttore e arrangiatore, e nel 2019 ha pubblicato un nuovo lavoro, La musica del buonumore.

La vita privata di Roberto Colombo

Roberto è legato da tantissimi anni ad Antonella Ruggiero, la cantante storica dei Matia Bazar, uno dei gruppi con cui ha più lavorato nel corso della sua carriera. I due hanno avuto un figlio di nome Gabriele nel 1990 e si sono sposati nel 2001.

Sai che…

– Colombo ha lavorato con la PFM ai nuovi arrangiamenti di Sally e Via del campo di Fabrizio De André. Versioni apprezzatissime dalla critica e anche dallo stesso cantautore genovese.

– Produttore storico dei Matia Bazar, ha lavorato anche con Giuni Russo, Alberto Camerini, Le Orme, Miguel Bosé, Morgan, Enzo Jannacci, Antonella Ruggiero e altri ancora.


Willie Nelson, il fuorilegge della musica country

Chi è Laura Marzadori, la violinista-influencer