Chi è Charlie Watts, batterista dei Rolling Stones: vita privata e curiosità

Charlie Watts, il più sofisticato degli Stones

Charlie Watts: biografia, carriera, vita privata e curiosità sul batterista dei Rolling Stones.

Charlie Watts è una delle rockstar più atipiche della storia. Pur essendo stato un pilastro della rock band simbolo della trasgressione, degli eccessi, della vita ‘sex, drugs and rock and roll‘, è sempre stato un personaggio tranquillo, elegante, sobrio. E ovviamente dotato di un talento immenso.

Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Charlie Watts: la biografia

Charles Robert Watts è nato a Londra il 2 giugno 1941 sotto il segno dei Gemelli. Figlio di un camionista, cresce nella zona nord di Londra, passando da Kingsbury al quartiere di Wembley.

The Rolling Stones
The Rolling Stones

Proprio qui conosce Dave Green, un vicino di casa che diventerà il suo migliore amico. Ed è proprio lui a trasmettergli la passione per il rhythm and blues.

Già negli anni dell’adolescenza scopre la straordinaria musica di Miles Davis e John Coltrane, e inizia ad avvicinarsi alle percussioni, trasformando un vecchio banjo in un rullante.

Sui primi anni Sessanta inizia così la sua carriera da musicista ed entra, come ultimo componente tra quelli originari, nei Rolling Stones. Di seguito (I Can’t Get No) Satisfaction, uno dei maggiori successi della band:

Oltre che con gli Stones, nel corso della sua carriera ha pubblicato anche diversi album da solista, a partire da From One Charlie del 1991, e ha partecipato a numerosi progetti extra, tra cui una big band con Jack Bruce.

Cosa fa oggi Charlie Watts? Continua ad essere uno dei segreti del successo da cinque decadi e oltre della band guidata da Keith Richards e Mick Jagger.

La vita privata di Charlie Watts: moglie e figli

Charlie si è sposato il 14 ottobre 1964 con la pittrice e scultrice Shirley Ann Shepherd, ragazza conosciuta prima di avere successo con gli Stones.

Dalla loro relazione è nata la figlia Serafina, nel marzo 1968.

Nonostante il successo clamoroso, Charlie è un esempio di fedeltà raro e quasi unico. Più volte a quanto pare ha infatti rifiutato le avances da parte di groupie e altre fan.

Sai che…

-Charlie Watts è alto 1 metro e 73.

Rolling Stone lo ha posizionato al 12esimo posto nella classifica dei 100 batteristi migliori di sempre.

-Charlie Watts ha il cancro? Il batterista ha dovuto in effetti combattere contro questo male dal 2004, quando gli è stato diagnosticato per la prima volta. Fortunatamente è riuscito a vincere la sua battaglia.

-Sul finire degli anni Cinquanta la musica non sembrava poter diventare il suo lavoro, e trovò invece impiego in un’agenzia pubblicitaria.

-A rendere unico il groove di Charlie è stata la sua passione per il jazz, e in particolare per Chico Hamilton. Al riguardo, in passato l’artista ha dichiarato: “Non sapevo niente di R&B, per me il blues era Charlie Parker quando suonava lentamente“.

-Viene dipinto da tutti come il membro più calmo e tranquillo degli Stones, un vero collante per la band.

-L’unico eccesso della sua vita risale agli anni Ottanta, quando per un breve periodo fu vittima di dipendenza dall’eroina.

-Prima di entrare negli Stones si ‘fece le ossa’ nella Blues Incorporated di Alexis Korner.

-Uno dei suoi più grandi estimatori fu fin dal principio Keith Richards, che lo ha sempre definito un artista raffinato in un ambiente di ‘picchiatori’.

-Nel 2020 è diventato famoso il suo air drumming nel corso dell’esibizione della band nella maratona benefica One World: Together at Home.

Di seguito Living in a Ghost Town, l’ultimo singolo degli Stones:

ultimo aggiornamento: 01-06-2020