Jack Bruce: la biografia, la carriera, la vita privata e le curiosità sul bassista e cantante dei Cream, la storica band di Eric Clapton e Ginger Baker.

Jack Bruce è stato un artista fuori dal comune. Un uomo nato per far musica, capace di incidere dischi straordinari e di eccellere nel rock come nel blues, passando per il jazz, grazie anche ai suoi importantissimi studi classici. Ripercorriamo insieme la sua carriera scoprendo alcune curiosità anche sulla sua vita privata.

Chi era Jack Bruce: la biografia

John Symon Asher Bruce, questo il vero nome di Jack Bruce, nacque a Bishopbriggs, in Scozia, il 14 maggio 1943 sotto il segno del Toro. A 17 anni s’iscrisse alla Royal Scottish Academy of Music e iniziò a studiare violoncello e composizione. Fin da ragazzo aveva infatti le idee chiare su cosa volesse diventare nella vita.

basso
basso

Nel 1962 iniziò a suonare con la Blues Incorporated e l’anno dopo divenne bassista di Graham Bond. Proprio nel gruppo di quest’ultimo conobbe il batterista Ginger Baker. Tra loro i rapporti non furono proprio amichevoli. Si dice addirittura che più volte si sabotarono reciprocamente gli strumenti, e talvolta arrivarono anche ad aggredirsi sul palco.

Furono proprio questi rapporti difficili a portare all’allontamanento di Bruce dal gruppo. Il bassista si unì all’ora al John Mayall Group e suonò con Manfred Mann. Ma lil suo desiderio era quello di creare qualcosa di nuovo e audace. Così, convinse il giovane chitarrista Eric Clapton e l’amico-nemico Ginger Baker a mettere su un supergruppo. Era il 1966: nacquero i Cream. Il resto è storia.

Il trio pubblicò solo quattro album, ma riuscì a imporre il proprio marchio nel rock psichedelico, hard e blues come poche altre band. Questo il loro brano più famoso, Sunshine of Your Love:

A rendere straordinario lo stile di Bruce era ovviamente il suo background classico. Ad ogni modo, chiusa l’esperienza nei Cream che, complice il suo difficile rapporto con Ginger, non poteva durare troppo, nel 1968 Jack iniziò a collaborare con musicisti di grande valore, tra cui Lou Reed.

Non solo rock. Nella sua carriera fece più volte incursione anche nel jazz, suonando con Tony Williams e John McLaughlin. La sua più importante esperienza post Cream è stata però negli anni più recenti quella nella All-Starr Band di Ringo Starr.

Jack Bruce: la morte

Nei primi anni Duemila iniziò ad avere seri problemi di salute. Nell’estate 2003 gli venne diagnosticato un cancro al fegato. Si sottopose a un trapianto e, pur passando momenti difficilissimi, riuscì a ristabilirsi, tanto che nel 2005 tornò a suonare nei Cream in una storica reunion. Il suo ultimo album in studio, Silver Rail, è datato 2014. Il 25 ottobre dello stesso anno Jack morì, probabilmente a causa di quel male che a inizio millennio non era riuscito a sconfiggere del tutto.

Jack Bruce: la discografia in studio

1969 – Songs for a Taylor
1970 – Things We Like
1971 – Harmony Row
1974 – Out of the Storm
1977 – How’s Tricks
1980 – I’ve Always Wanted to Do This
1981 – B.L.T.
1981 – Truce
1983 – Automatic
1989 – No Stopping Anytime
1989 – A Question of Time
1993 – Somethin’ Els
1994 – Cities of the Heart
1994 – This That
1995 – Monkjack
2001 – Shadows in the Air
2001 – Doing This… On Ice!
2003 – Jet Set Jewel
2003 – More Jack Than God
2014 – Silver Rails

La vita privata di Jack Bruce: moglie e figli

Jack Bruce ha avuto tre mogli: Janet Godfrey (1964-1973), Rosie Miller (1977-1978) e Margrit Seyffer (1982-2014). Ha avuto nel corso della sua vita ben cinque figli: Jonas e Malcolm nati dal primo matrimonio, Corin, Kyla e Aruba nati dal terzo.

Sai che…

– Era solito affermare che le miglior parti di basso mai scritte fossero opera di Johann Sebastian Bach.

– L’ultimo concerto con la sua band Jack lo suonò l’8 settembre 2013 in Italia, precisamente a Catanzaro.

– Su Instagram Jack Bruce non ha alcun account ufficiale a lui dedicato.

Di seguito un live della reunion dei Cream nel 2005:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Rock

ultimo aggiornamento: 14-05-2022


Chi era Ezio Bosso, il pianista e direttore d’orchestra più amato d’Italia

Chi è David Byrne, il genio dei Talking Heads