Amanda Lear: la biografia, la carriera, la vita privata e le curiosità cantante, modella e showgirl francese.

Amanda Lear è una figura entrata spesso nelle case degli italiani come personaggio televisivo e conduttrice. Ma nel corso della sua carriera è stata molto, molto di più. Una star della musica mondiale, certo. Ma anche e soprattutto un’ispirazione per alcuni degli artisti più grandi di sempre nel campo della moda, della musica e delle arti figurative.

Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla carriera e la vita privata di questo personaggio straordinario.

Chi è Amanda Lear: la biografia

Amanda Trapp, questo il vero nome di Amanda Lear, è nata a Hong Kong il 18 novembre 1939 sotto il segno dello Scorpione. Cresciuta con la madre con tutta probabilità in Francia, inizia la sua carriera negli anni Sessanta come modella.

Amanda Lear
Amanda Lear

Abbandona gli studi alla scuola d’arte in pieni anni Sessanta, scegliendo di dedicarsi alla carriera professionale a tempo pieno. Dopo una breve avventura nel mondo del cinema, nel 1973 viene fotografata per la copertina dell’album For Your Pleasure dei Roxy Music. Grazie al suo look fetish attira le attenzioni anche più che l’album stesso, impressionando un grandissimo del mondo della musica: David Bowie.

Proprio con quest’ultimo registra la sua prima canzone, Star, mai pubblicata. Bowie vede in lei un potenziale straordinario da cantante, e decide di finanziare la sua nuova carriera musicale regalandole corsi di canto e danza. La Lear esordisce così con il singolo Trouble, senza avere grande successo. Ma non si arrende e incide un album, I Am a Photograph, che viene trascinato da singoli come Tomorrow e Queen of Chinatown, regalandole le prime soddisfazioni in questa nuova vita artistica:

Questa fase brillante della sua carriera musicale prosegue con il concept Sweet Revenge e con Never Trust a Pretty Face, da molti considerato il miglior album del suo percorso artistico.

Chiusa l’avventura nella disco music, negli anni Ottanta Amanda decide di passare al rock e alla new wave, a partire dall’album Diamonds for Breakfast. Segue l’album Incognito del 1981 e poi ancora Tam-Tam, in collaborazione con compositori e produttori italiani. Da quest’ultimo viene estratto il singolo No Regrets:

https://www.youtube.com/watch?v=2upHo3JkXQo

Dopo circa cinque anni da showgirl, torna alla musica sul finire degli anni Ottanta con Secret Passion, ma non può promuovere il disco a causa di un incidente che la costringe a diversi mesi di convalescenza.

Torna alla musica da discoteca, in particolare all’Eurdance, negli anni Novanta, con gli album Cadavrexquis e Alter Ego, ma non ottiene il successo sperato. Continua saltuariamente a incidere dischi anche nel nuovo millennio, dedicandosi ampiamente a spettacoli televisivi e a mostre di opere d’arte. Cosa fa oggi Amanda Lear? Nel 2016 ha annunciato il suo ritiro dalle scene, ma nel 2017 è apparsa nel film Metti una notte.

La vita privata di Amanda Lear: marito e figli

Negli anni Sessanta ha frequentato la Swinging London e ha avuto una relazione con Brian Jones, chitarrista dei Rolling Stones.

Ha poi avuto un rapporto definito come un ‘matrimonio spirituale’ con il celebre pittore surrealista Salvador Dalí. Amanda trascorse tanti anni con lui e sua moglie: Salvador la introdusse nei salotti più importanti d’Europa, lei gli insegnò la nuova arte, la moda, la fotografia e la musica di cui era diventata una conoscitrice a Londra. Per Dalí ha peraltro posato nelle opere Venus to the Furs e Vogué. I due furono comunque effettivamente amanti per 16 anni.

Negli anni Settanta Amanda Lear e David Bowie hanno avuto un breve ma intenso legame. Di lui la Lear dichiarò alcuni anni fa: “David è stato l’unico uomo con cui sono andato a letto a truccarsi più di me“.

Sposò l’aristocratico francese Alain-Philippe Malagnac d’Argens de Villèle il 13 marzo 1979. Acquisì in questo modo il titolo di marchesa. Malagnac morì nel 2000 a 51 anni durante un incendio nella loro villa in Provenza. Per ricordarlo, Amanda gli dedicò l’album Heart.

Dal 2002 al 2008 è stata partner del modello Manuel Casella, di 40 anni più giovane di lei. Stessa distanza di età anche dalla sua fiamma del 2014, l’attore Anthony Hornez.

Sai che…

-Amanda Lear è alta 1 metro e 78,

-Ha un talento per le lingue: parla correntemente francese, inglese, tedesco, spagnolo e italiano.

-Ha posato per i fotografi più importanti del mondo, come Helmut Newton e ha sfilato per stilisti come Yves Saint Laurent e Coco Chanel.

-Negli anni Settanta era soprannominata White Queen of Disco.

-Per anni si è sospettato che Amanda Lear fosse originariamente un uomo sottoposto a un’operazione di cambio di sesso a Casablanca. Il suo vero nome sarebbe stato Alain René Tap. Tuttavia, la Lear ha sempre negato tali voci, affermando che si trattava di un espediente creato da lei e Bowie per aumentare la curiosità su di lei prima della pubblicazione dei suoi album. A togliere gran parte dei dubbi arrivò comunque nel 1978 un suo servizio fotografico totalmente nuda su un numero di Playboy e nel 1983 su un numero di Playmen.

-I Baustelle le hanno dedicato una canzone contenuta nell’album L’amore e la violenza del 2017.

-Oltre che cantante, attrice, modella, presentatrice e altro, Amanda è anche pittrice e scrittrice.

-Su Instagram Amanda Lear ha un account ufficiale da oltre 70mila follower.

Di seguito Queen of China-Town, una delle canzoni di Amanda Lear più famose:


Chi è Nada, apprezzata cantautrice toscana

Kirk Hammett, la chitarra solista dei Metallica