A soli 9 anni Blue Ivy Carter, figlia di Beyoncé e Jay-Z, ha già vinto il suo primo Grammy Award per il Miglior video musicale insieme alla madre.

Blue Ivy Carter ha già vinto un Grammy! Talento precocissimo, la primogenita di Beyoncé e Jay Z ha conquistato il suo primo Oscar per la musica nel corso della 63esima edizione, tenuta a Los Angeles tra il 14 e il 15 marzo 2021. In particolare, la bambina ha conquistato il premio per il miglior video musicale, come co-protagonista insieme alla mamma Queen B e a WizKid di Brown Skin Girl.

Blue Ivy Carter da record: un Grammy a 9 anni

Per la promettente bimba prodigio si tratta di un ennesimo grande riconoscimento, arrivato tra l’altro nella serata dell’ingresso della madre nella storia della musica e dell’Academy, avendo conquistato ben 28 Grammy in carriera, più di qualunque altra artista femminile.

Beyoncé
Beyoncé

Grande entusiasmo anche per Blue Ivy, che a 9 anni è diventata una delle più giovani vincitrici nella storia dei Grammy, insieme a Billie Eilish, che ci è riuscita a 18 anni, e a LeAnn Rimes, vincitrice di due Grammy a soli 14 anni, e di una delle cantanti del trio The Peasall Sisters, che nel 2002 conquisto un premio a 8 anni.

Tutti i premi di Blue Ivy Carter

Non si tratta del primo grande riconoscimento per Blue Ivy. L’erede di Queen B e Jay-Z, grazie alla sua partecipazione all’album della madre The Lion King: The Gift, ha infatti conquistaot già nel 2019 un Ashford & Simpson Songwriter’s Award, un Bet Award e altri riconoscimenti che l’hanno proiettata direttamente tra i grandi dell’industria musicale. Ricordiamo che la piccola miss Carter è infatti accreditata tra gli autori del pezzo e canta anche un paio di versi all’interno della registrazione ufficiale. Di seguito il video ufficiale della canzone che ha permesso alla figlia di Jay-Z e Beyoncé di fare la storia:

TAG:
Beyoncé Blue Ivy Carter

ultimo aggiornamento: 15-03-2021


Gianni Morandi non sarà operato: ecco il suo selfie con i medici

Fedez furioso, rinviato il vaccino della nonna: “Assurdo”