Beyoncé ha pubblicato il suo nuovo disco “Cowboy Carter”: nel brano “Daughter” c’è un omaggio al compositore italiano Tommaso Giordani.

Beyoncé ha deciso di debuttare nella musica country: nelle scorse ore la popstar ha pubblicato “Cowboy Carter”, il suo ottavo disco da solista. L’album è il secondo episodio della trilogia Renaissance e contiene ben 27 tracce.

Nel brano “Caro mio ben” Beyoncé canta in italiano: si tratta di un omaggio al compositore italiano del ‘700 Tommaso Giordani la cui opera è stata in passato interpretata dal tenore Luciano Pavarotti, ma anche da autori pop come Sting e Mina.

Le cover contenute in “Cowboy Carter”

Oltre al pezzo in cui canta in italiano, ci sono altri brani interessanti all’interno del nuovo album di Beyoncé. La popstar ha infatti realizzato alcune cover di brani storici del genere country, come “Jolene” di Dolly Parton.

In “Cowboy Carterè incluso anche il brano “Texas Hold’Em“, grazie al quale la cantante è diventata la prima donna nera della storia a raggiungere la vetta della classifica Hot Country Songs di Billboard e il primo posto nella Billboard Hot 100.

In un’intervista, Beyoncé ha raccontato di aver impiegato più di 5 anni per realizzare questo progetto. La scelta di dedicarsi al genere country è nata a seguito di un’esperienza negativa: “È nato da un’esperienza vissuta anni fa in cui non mi sentivo accolta… ed era molto chiaro che non lo ero.

Beyoncé
Beyoncé

Ma, grazie a quell’esperienza, ho approfondito la storia della musica country e ho studiato il nostro ricco archivio musicale” – ha concluso la cantante.

Il brano in cui Beyoncé canta in italiano

Il brano in cui la popstar canta in italiano di intitola “Daughter“. Queste sono le parole: “Caro mio ben, credimi almen, senza di te languisce il cor, caro mio ben, senza di te languisce il cor. Il tuo fedel sospira ognor, togli da me tanto rigor, togli da me tanto rigore, tanto rigor

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 29 Marzo 2024 15:29


Ricchi e Poveri: in arrivo 8 remix di “Ma non tutta la vita”

Matteo Paolillo pubblica “Ultimo atto” e si lascia Edo alle spalle