Arisa si sfoga e accusa il sistema: ‘Ma come Mimì non mi ci farete finire’

Perché i Green Day si chiamano così?

Attraverso la propria pagina Facebook, Arisa si è sfogata contro Radio Italia e contro i Wind Music Awards, ai quali non è stata invitata.

Non ha preso parte ai Wind Music Awards dell’Arena di Verona, e non sarà nemmeno tra gli artisti che parteciperanno al concerto Radio Italia Live. E Arisa non ha certamente perso tempo, lanciando più di una stoccata alle due organizzazioni: “Certo è che come Mimì non mi ci fanno finire”, ha detto l’artista (riferendosi alla grande Mia Martini), prossimo coach di X Factor. Sfoghi ai quali ha abituato i fan e chi la conosce bene, accuse rivolte al sistema musicale, in particolare a Radio Italia e a chi ha organizzato i Wind Music Awards, la doppia serata musicale trasmessa da Rai 1. “Guardando il cielo non ha vinto il disco di platino. Mi sarebbe piaciuto essere ai Wind Music Awards – ha detto Arisa – ma non sono platino. Poi sicuramente ci sarà anche qualcuno non platino per cui si sarà fatta un’eccezione”.

Arisa contro tutti

Ne ha per tutti e oltre a sottolineare come le sarebbe piaciuto essere invitata ha anche elencato i riconoscimenti avuti. Tutto sulla propria pagina Facebook, attraverso la quale si è sfogata: “Poi un giorno mi spiegherete perché. Perchè.. Come a scuola, ci sono quelli fighi e quelli no. E perché le regole cambiano sempre al momento sbagliato, solo per alcuni. Forse il destino è che io debba farcela da sola, ancora, o che debba smettere per sempre ed andare ad aiutarli davvero i bambini di Haiti, con la zappa in mano. Certo è che come Mimì non mi ci fanno finire”.

Il progetto per Haiti

Poi il riferimento a Voce, il progetto per i bambini di Haiti che non sta riscuotendo il successo desiderato: “Credo nel mio lavoro, i miei dischi mi piacciono. Povera Patria, povera Haiti. Nessuno se ne cura. Nessuno si cura più di niente. Vorrei vedere se l’avesse fatto qualche biondina vestita in pelle umana. Santa Subito. Voce, cadrà nel dimenticatoio, Guardando il cielo pure. Ma non per tutti. Qualcuno si sveglierà e spegnerà la tele. Sono molto orgogliosa di quello che faccio, i miei dischi mi piacciono, e se avessi grandi possibilità farei grandi cose. Per ora combatto e sto al passo. Andrà sempre meglio. Ci credo”.

Se ti è piaciuta la notizia, condividila sui social!

ultimo aggiornamento: 09-06-2016

Ivana Crocifisso

Per favore attiva Java Script[ ? ]