Al Bano incontra l’ambasciatore ucraino: pace fatta con Kiev?

Al Bano e l’Ucraina hanno fatto pace. Dopo essere stato inserito dal governo nella blacklist, l’artista è riuscito a far cambiare idea ai parlamentari di Kiev.

Prove di pace tra Al Bano e l’Ucraina. L’artista, che nelle scorse settimane era stato inserito nella lista degli individui ritenuti da Kiev una minaccia alla sicurezza nazionale, e che aveva a sua volta risposto con una richiesta di risarcimento danni, forse ha convinto il governo ucraino che il suo status di terrorista non è poi così corrispondente alla realtà!

Il cantante ha infatti incontrato l’ambasciatore ucraino per un faccia a faccia necessario a chiarire uno degli incidenti diplomatici più particolari degli ultimi anni. L’esito dell’incontro, a quanto pare, è stato positivo, anche se si attendono ancora comunicazioni ufficiali da fonti ucraine.

Al Bano e l’Ucraina: pace fatta

A confermare il buon esito dell’incontro è stato lo stesso cantante di Cellino San Marco che, ai microfoni di Adnkronos, ha dichiarato: “Sono un uomo di pace. Ho seminato pace e raccolgo pace. L’incontro con l’ambasciatore è stato interessante. Ci siamo trovati d’accordo su molti punti“.

L’artista ha quindi sottolineato che al termine delle elezioni in Ucraina potrebbe pianificare anche un viaggio da quelle parti, per mostrare a tutti le sue buone intenzioni. E magari, perché no, anche per fare un regalo a tutti i suoi fan.

Al Bano
Al Bano

Al Bano, l’Ucraina e i rapporti con Putin

Dato il buon esito dell’incontro con l’ambasciatore, sembra a questo punto decadere la possibilità di una richiesta di risarcimento danni da parte del cantante per la diffamazione di Kiev.

Ciò che invece non decadrà sono i rapporti tra il Carrisi e Vladimir Putin. I due si conoscono dall’86 e, pur non potendo ritenersi amici, vantano una solida stima reciproca. Non a caso, Al Bano ha annunciato che canterà per il leader russo a Tokyo il 18 agosto. Stavolta però dovrebbe essere scongiurato ogni tipo di disappunto da parte del governo ucraino. O almeno così sembra…

ultimo aggiornamento: 08-04-2019