Daniela Volponi, conosciuta come Toffee, è morta in un tragico incidente: era una grande fan di Vasco Rossi.

La grande famiglia di Vasco Rossi perde un pezzo tra i più importanti. Il rocker di Zocca saluta Daniela Volponi, conosciuta da tutti come Toffee. Una sua grande fan, o forse molto più. 57 anni, amante del Blasco, della vita, dei cagnolini e della natura, la donna è stata uccisa mentre attraversava la strada non lontana da casa sua. Travolta da un’auto lungo la Statale Flaminia, trascinata fino a toglierle la vita. Una morte tragica su cui la polizia ha aperto un’indagine.

Chi era Toffee, la fan di Vasco Rossi travolta da un’auto

Daniela era conosciuta da tutti i fan del Kom come Toffee, un nome ripreso proprio da una canzone del grande cantautore emiliano. Innamorata della sua musica e dell’uomo Vasco in generale, dal 1983 non si era mai persa un tour ed era anche attivissima nel fan club ufficiale del rocker di Zocca.

Vasco Rossi
Vasco Rossi

Un amore senza confini che le aveva permesso di realizzare più volte anche il songo di incontrarlo, il Blasco, vederlo dal vivo prima e dopo i concerti, per una foto insieme, un saluto e qualche chiacchierata veloce. L’ultimo loro incontro risaliva a pochi mesi fa, alla data dello stadio del Conero di Ancona.

Com’è morta Toffee

Come riferito da Rai News, si sta indagando sulla dinamica di un incidente che lascia più di un alone di mistero. Alcuni particolari non sono molto chiari. Stando alle prime ricostruzioni, sembra che l’automobile che l’ha travolta, una Mercedes in viaggio verso Ancona, abbia frenato una volta essersi accorta della donna per strada. Purtroppo un altro mezzo che stava sopraggiungendo l’avrebbe però tamponata, spingendo la vettura a muoversi in avanti fino a investire la sfortunatissima Toffee. Ulteriori dettagli potrebbero però emergere dal prosieguo delle indagini.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

Vasco Rossi

ultimo aggiornamento: 07-09-2022


Michael Bublé lascia la musica? Il cantante: “Voglio fare solo il papà”

Fedez, chiesta l’archiviazione per Tu come li chiami: non c’è vilipendio dei Carabinieri