Claudio Baglioni sdoppia Sanremo e… sposta le date del Festival!

Claudio Baglioni e Sanremo 2019: ecco le novità e il nuovo regolamento della prossima edizione del Festival della canzone italiana!

Claudio Baglioni ha già in mente diverse novità per l’edizione del Festival di Sanremo 2019. L’idea principale è quella di dividere i giovani e i big in due diverse manifestazioni, selezionando poi solamente un giovane che entrerà direttamente nella competizione con gli artisti principali.

Il regolamento di Sanremo 2019: giovani e big divisi

Pare proprio che quest’anno Sanremo si sdoppierà in due diverse gare, che vedranno da un lato i giovani talenti e dall’altro i big. E se prima era solo un’idea, adesso è arrivata la conferma da parte della RAI. Insomma, l’idea innovativa del direttore artistico Claudio Baglioni prenderà vita.

Nella sostanza si tratta di eliminare i concetti di Giovani Proposte e Big, ma di creare una sola categoria in gara al Festival, alla quale saranno ammessi anche i due vincitori di un contest organizzato a dicembre per 24 talenti under 36.

Si tratta di una vetrina dedicata esclusivamente ai talenti esordienti, che dunque non sarebbero relegati a una sorta di secondo piano durante la kermesse. Il lato negativo, se da un lato la visibilità potrebbe essere più alta, è che però al Festival vero e proprio alla fine andranno solo in due.

Le date del “Secondo Sanremo”, o per dirlo con il nome giusto, Sanremo Giovani, sono previste per dicembre, pare nella settimana che va dal 17 al 21.

Si passa così alla seconda fase, al Festival di Sanremo vero e proprio che come tutti gli anni, sarà invece a febbraio. 24 saranno i nomi (rispetto ai 20 della scorsa edizione), e proprio come l’altro anno non saranno previste le eliminazioni.

CLAUDIO BAGLIONI
CLAUDIO BAGLIONI

Sanremo 2019: il post su Facebook di Baglioni

Novità anche per quanto riguarda Area Sanremo. Quest’anno, infatti, i vincitori non avranno diritto a prendere direttamente parte al Festival, ma gareggeranno con gli altri giovani nel contest che si terrà a dicembre.

Intanto, dopo essere arrivato il comunicato ufficiale della Rai che confermava la notizia, Baglioni ha voluto spiegare le ragioni delle sue scelte con un lungo post su Facebook, spiegando anche come grande sia stata la voglia di restare un altro anno nelle vesti di direttore artistico.

Ecco le sue parole pubblicate sui social:

Baglioni a Sanremo 2019: le date del festival

Una conferma, quella di Baglioni direttore artistico per la seconda volta di fila, che come abbiamo visto ha già portato una ventata di novità. Baglioni, senza nasconderlo, vuole riportare il festival al passo coi tempi, dare spazio alla musica vera e non alla competizione televisiva. Non a caso arriva la scelta di dividere il festival, così da creare uno spazio anche per tutti quei generi che oramai, innegabilmente, rappresentano il mondo della musica giovanile, dall’indie alla trap.

Proprio nel post su Facebook Baglioni ha spiegato come quella di raddoppiare sia stata una decisione dettata proprio dalla voglia di mettere in luce i giovani, ma sopratutto, un passo per evitare da creare categorie attorno alle canzoni, che vanno considerate tutte allo stesso livello, senza relegarle a Big o Nuove Proposte: «Il confronto diretto è tra parole, musica, interpretazione, arrangiamento, emozione».

Per quanto riguarda le date del Festival di Sanremo 2019, queste erano già state ufficializzate: si parte il 5 febbraio e si finisce il 9. Ma da quanto è stato riportato nelle ultime ore da Sanremonews.it, sembra che Baglioni abbia ufficialmente espresso la volontà di spostare il Festival avanti di una settimana, e dunque farlo cominciare il 12 febbraio e farlo concludere il 16.

Ancora niente per quanto riguarda i presentatori, e ovviamente, nessun nome è stato fatto riguardo gli artisti. Ma intanto il count down è iniziato: chi sarà dopo Fabrizio Moro ed Ermal Meta a conquistare il primo premio al Festival? Staremo a vedere!

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 25-07-2018

Lorenzo Martinotti