Ornella Vanoni è stata ospite a Che tempo che fa per promuovere il repack del suo album: la cantante scatenata da Fazio.

Ornella Vanoni senza freni a Che tempo che fa! Inarrestabile, come sempre, la cantante milanese è stata la vera protagonista dell’ultima puntata della trasmissione di Fazio. Un’apparizione che ha avuto una finalità commerciale, ovvero la promozione del repack del suo nuovo album, Unica. Ma nonostante questo, Ornella è riuscita a rubare la scena a tutti, dimostrandosi in grande forma, emozionando e facendo divertire tutti i presenti e il pubblico da casa.

Ornella Vanoni
Ornella Vanoni

Ornella Vanoni preoccupa i fan a Che tempo che fa

Unica Celebration Limited Edition 2022 è il repack dell’ultimo album dell’intramontabile Ornella. Al suo interno anche il tormentone estivo Toy Boy che l’ha vista protagonista insieme a Colapesce e Dimartino, ma anche canzoni con Francesco Gabbani, Renato Zero, Giuliano Sangiorgi e Pacifico.

Un album presentato dal vivo da Fazio, non senza qualche battuta che ha allarmato i fan: “Non so se arrivo a Natale…“. Parole forti, ma dette solo per scherzo. Ornella è infatti in grandissima forma e non ha paura di nulla: “Ho 87 anni. Nella vecchiaia devi tirare fuori quel lato che hai sempre tenuto nascosto, quel lato infantile che ti fadire tutto quello che vuoi“.

Ornella Vanoni contro la promozione gratis

Un’apparizione promozionale, ma totalmente gratuita per Ornella, che ha voluto lanciare anche una piccola frecciatina alla sua casa discografica. La cantante, senza peli sulla lingua, ha infatti detto di essere andata lì solo perché spinta dall’etichetta alla quale è legata, ma in maniera totalmente gratuita: “Non so per quale motivo qui in Italia la promozione deve essere gratis, non sto guadagnando niente“.

Di seguito il video di Ornella a Che tempo che fa:

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-11-2021


“Io e Chiara lo abbiamo fatto”: la confessione di Fedez sorprende i fan

Sanremo 2022, nel cast dei cantanti anche un’attrice del GF Vip? L’indiscrezione