Backstreet Boys, Nick Carter di nuovo padre: la moglie Lauren Kitt è incinta e il cantante ha pubblicato sui social un video dell’ecografia.

Nick Carter sarà padre… per la terza volta! L’ex biondino dei Backstreet Boys, uno dei cantanti più amati della boyband più famosa di sempre, ha annunciato sui social l’arrivo del suo terzogenito, pubblicando anche il video di un’ecografia. Scrive l’artista: “A volte la vita ti benedice con piccole imprese“. Non si conoscono ancora il sesso e il nome del bambino in arrivo, ma la notizia ha quasi del miracoloso, visto che per varie volte la moglie Lauren Kitt aveva avuto degli aborti spontanei, tanto da pensare di non poter più avere figli!

Nick Carter di nuovo papà: i figli diventeranno tre

Cicogna in arrivo in casa Carter-Kitt: sta per arrivare il loro terzogenito. Lo ha annunciato lo stesso cantante dei Backstreet Boys, pubblicando il video dell’ecografia sui social.

Nick Carter
Fonte foto: Instagram.com/nickcarter/

Nick e Lauren hanno già due figli: Odin e Saoirse, nati il 19 aprile 2016 e il 2 ottobre 2019. Molto paritcolari i nomi scelti dalla coppia. Il primogenito porta infatti il nome della divinità principale della mitologia norrena. La piccola ha invece un nome irlandese che in lingua gaelica vuol dire ‘libertà’. Chissà come si chiamerà il nuovo arrivato/a! Ecco il post:

Chi è Lauren Kitt, la moglie di Nick Carter

Nick e Lauren sono una coppia fissa dal 2011. In precedenza il cantante aveva avuto relazioni importanti anche con nomi del calibro di Paris Hilton. Si sono fidanzati ufficialmente nel febbraio 2013 e si sono scambiati il fatidico sì il 12 aprile 2014 a Santa Barbara, in California. Lauren di professione è un’esperta di fitness e trainer, attiva anche sui social e su YouTube. Ma è anche un’attrice: è apparsa ad esempio nelal commedia horror Dead 7, cui ha partecipato come interprete e sceneggiatore lo stesso Carter.

Fonte foto: Instagram.com/nickcarter/

ultimo aggiornamento: 15-01-2021


Addio a Sylvain Sylvain, chitarrista dei New York Dolls

L’appello di Shalpy: “Vivo in condizioni di estrema indigenza”