È morta Sarah Dash, la cantante delle LaBelle: aveva 76 anni ed era diventata una star internazionale con Lady Marmalade.

Lutto nel mondo della musica R&B. È morta Sarah Dasy, cantante e fondatrice delle LaBelle. Aveva 76 anni. L’artista è deceduta il 20 settembre. Solo pochi giorni fa si era esibita insieme all’amica e collega Patti LaBelle, che ha confermato la scomparsa su Instagram. Non sono state rese note le cause della sua scomparsa.

Microfono
Microfono

È morta Sarah Dash

Sarah era un’anima straordinariamente talentuosa, bella e amorevole che ha benedetto la mia vita e la vita di tanti altri in modi che non riesco nemmeno a esprimere“, ha scritto Patti ricordando sui social la sua grandissima amica. Le due potevano contare l’un l’altra sempre, come una spalla e un sostegno. Per questo la morte di Sarah è un colpo durissimo per LaBelle: “Ho il cuore spezzato, ma so che lo spirito di Sarah e tutto ciò che ha dato al mondo continuano a vivere“.

Chi era Sarah Dash

Originaria del New Jersey, Sarah si era trasferita a Philadelphia verso la metà degli anni Sessanta. Qui avev incontrato Patti LaBelle, con cui aveva fondato prima il quartetto delle Bluebelles, con Patti come frontwoman. Un gruppo R&B capace di lanciare successi come I Sold My Heart to the Junkman, You Never Walk Alone e Danny Boy. Indimenticabile anche la loro versione di Over the Rainbow. Il grande successo internazionale per le LaBelle è però Lady Marmalade, uscito nel 1974. Un pezzo che rappresenta anche il loro messaggio politico-sociale, simboleggiato anche dall’utilizzo delle iconiche parrucche e di abiti vistosi.

Da solista Sarah cominciò a muovere anche i primi patti da solista con Sinner Man e con ballad come You e We’re Lovers After All. Non raggiunse però mai lo stesso successo ottenuto con il gruppo. Al di là della musica, si è distinta per tantissime iniziative a favore delle persone svantaggiate di New York e non solo.

ultimo aggiornamento: 21-09-2021


Liam Gallagher, incidente in elicottero: come sta il cantante degli Oasis

“Pippo Baudo mi tradì”: la rivelazione di Katia Ricciarelli