Miguel Bosé ha svelato un segreto sul suo rapporto con Amanda Lear: botta e risposta tra i due cantanti.

Miguel Bosé ha perso la verginità con una famosissima cantante: Amanda Lear! La confessione dell’artista spagnolo è arrivata durante un’intervista alla giornalista Nuria Roca. Aveva 17 anni Miguel quando ebbe l’incontro piccante con la ‘musa’ di Salvador Dalí, proprio nella casa del pittore simbolo del surrealismo. Parole che hanno fatto grande scalpore in Spagna e anche nel resto del mondo, portando alla reazione della stessa Amanda, che ha riposto in un’intervista a Verissimo.

Miguel Bosé
Miguel Bosé

Miguel Bosé ha perso la verginità con Amanda Lear: la confessione

Nel corso della sua confessione, Miguel ha raccontato di avere il sospetto che non solo Dalí sapesse tutto, ma che l’avesse anche pianificato con il padre, un celebre torero, preoccupato per i suoi gusti sessuali e desideroso che fosse iniziato subito al sesso per poter ‘gareggiare’ con lui nella conquista delle donne. Parlando del rapporto con Amanda, Bosé ha aggiunto: “Da allora, io e Amanda continuiamo tutto’oggi a vivere un’enorme fratellanza e complicità“.

La risposta di Amanda Lear

Una confessione a cuore aperto, quella dell’artista spagnolo, che ha stupito tutti, compresa Amanda Lear. La cantante ha però dimostrato ancora una volta di avere la risposta pronta, e così con una battuta di spirito ha replicato: “Non capisco perché abbia raccontato questa cosa privata, ma si vede che gli ho lasciato un bel ricordo“. Amanda ha quindi spiegato che il padre di Miguel era preoccupato per il figlio, troppo delicato e dolce. Per questo glielo buttò praticamente tra le braccia: “Io e lui siamo andati a fare una passeggiata ed è successo“.

Di seguito una foto di Miguel da bambino insieme al padre, da lui definito all’interno della sua ultima autobiografia un ‘mostro’:

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 22-11-2021


Marracash attacca Fedez: il rapper milanese replica così

Stefano D’Orazio, la moglie scoppia in lacrime: “Mi sento in colpa”