Max Gazzè a Sanremo 2021 con Il farmacista: il significato della nuova canzone del cantautore romano e la sua storia all’interno del Festival.

Tra i non esordienti del Festival di Sanremo 2021, Max Gazzè è quello che forse ha meno pretese. Non ha bisogno di vincere la kermesse il cantautore romano, da anni uno dei personaggi più originali della nostra musica, garante di un pop mai banale. La sua presenza è però essenziale per tenere alto l’interesse di quella fetta di pubblico mediamente adulta che della trap non vuol proprio sentir parlare. A rendere ancora più intrigante la sua presenza c’è poi la presenza di una band di supporto tutta da scoprire, la Trifluoperazina Monstery Band.

Max Gazzè, Il farmacista: il significato

A tre anni di distanza da La leggenda di Cristalda e Pizzomunno, brano presentato nel 2018, Gazzè torna sul palco dell’Ariston con un pezzo che punta a strappare più di un sorriso: Il farmacista.

Max Gazzè
Max Gazzè

Spiega il cantautore: “Non è una canzone seria, ma ironica. Il farmacista non è la persona, il soggetto farmacista, ma il protagonista di questa storia è colui che produce e propone soluzioni a dei problemi, attraverso qualsiasi rimedio, che sia naturale, che sia chimico. Quindi il farmacista in sé è un po’ come uno scienziato pazzo. Il brano è un rock andante, un rock a tempo rapido“.

Max Gazzè a Sanremo

La storia di Max Gazzè a Sanremo è iniziata nel 1999, quando fece il suo esordio tra i Giovani con il brano Una musica può fare, ancora oggi uno dei suoi brani più amati. Arrivò ottavo:

L’anno successivo tornò sul palco dell’Ariston, stavolta tra i Big, con il brano Il timido ubriaco. Rispetto alla prima esperienza le cose andarono molto meglio, e si piazzò quarto, a un passo dal podio:

Per poterlo rivedere a Sanremo bisognò quindi aspettarlo per ben otto anni. Il suo ritorno fu infatti datato 2008, quando alla kermesse presentò un altro grande pezzo, Il solito sesso. Come sempre capita, il brano non fu capito subito, e ottenne solo il dodicesimo posto:

Nel 2012 si presentò sul palco dell’Ariston solo come ospite di Dolcenera, per poi tornare in gara nel 2013 con i brani I tuoi maledettissimi impegni e Sotto casa. Con quest’ultima arrivò al settimo posto:

Altra pausa piuttosto lunga prima della sua ultima, finora, partecipazione a Sanremo, datata 2018. All’epoca si presentò con il brano La leggenda di Cristalda e Pizzomunno, arrivando al sesto posto e vincendo il Premio Giancarlo Bigazzi per la miglior composizione musicale.

Cosa aspettarsi da Gazzè nel 2021? Qualunque cosa. Max potrebbe in un Festival del genere puntare alla vittoria, ma anche arrivare ultimo. Probabile alla fine un piazzamento tra il decimo e il quindicesimo posto, magari con un trionfo nei premi di contorno.

Max Gazzè Sanremo strillo

ultimo aggiornamento: 02-02-2021


Syria spiega la sua esibizione a Milano: “Il mio messaggio è che ci siamo”

Sanremo, parla il sindaco Biancheri: “Festival e città sono indissolubili”