Marilyn Manson crede che le accuse di abusi sessuali e violenze mosse contro di lui da diverse donne sono frutto di un complotto.

Marilyn Manson ha legalmente iniziato a rivendicare la sua innocenza contro tutte le accuse di abusi sessuali mosse contro di lui, parlando di cospirazione. USA Today riporta che l’avvocato di Manson, Howard E. King, ha presentato un’istanza in tribunale ieri, 28 luglio, per respingere le accuse contro il rocker da parte dell’attrice de Il Trono di Spade, Esmé Bianco. Quest’ultima ha intentato una causa contro il musicista (il cui vero nome Brian Warner) e il suo ex manager, Tony Ciulla, sostenendo che Manson l’avrebbe violentata e picchiata e che il suo manager l’avrebbe aiutato a camuffare il tutto sotto le spoglie di un video musicale.

Marilyn Manson
Marilyn Manson

Marilyn Manson parla di un complotto orchestrato contro di lui

Gli avvocati di Manson contestano che le affermazioni di Esmé Bianco hanno superato i termini di prescrizione della California e che, di conseguenza, dovrebbero essere respinte. I legali dell’artista affermano che le sue accuse sono “false, prive di merito e una componente chiave di un attacco coordinato” da parte di “co-cospiratori“.

Gli avvocati del rocker fanno un ulteriore passo avanti, affermando che tutte le donne che si stanno mobilitando contro Manson stanno “cercando cinicamente e disonestamente di monetizzare e sfruttare il movimento #MeToo “cercando disperatamente di fondere l’immaginario e l’abilità artistica del personaggio teatrale ‘shock rock’ della Warner, ‘ Marilyn Manson,’ con resoconti di abusi inventati” in quanto avrebbero “trascorso mesi a complottare, lavorare e perfezionare“.

Il 1 ° febbraio, l’attrice Evan Rachel Wood nominò pubblicamente Marilyn Manson come suo aggressore, dopo aver precedentemente descritto dettagliatamente di essere stata torturata mentalmente e fisicamente quando aveva 18 anni. In seguito ha spiegato che Manson “ha iniziato ad avvicinarsi a me quando ero una adolescente e ha abusato di me in modo orribile per anni“, aggiungendo “sono stata sottoposta a lavaggio del cervello e sono stata manipolata fino alla sottomissione”.

La seconda dichiarazione di Evan Rachel Wood

La Wood ha rilasciato una seconda dichiarazione accusando Manson e la sua attuale moglie di aver cercato di ricattarla al fine di mantenere il silenzio. Uno degli ex assistenti personali di Manson ha sostenuto le sue affermazioni e ha affermato che Manson starebbe abusando della sua attuale moglie.

Dopo le sue dichiarazioni, anche altre donne si sono unite alle accuse dell’attrice, parlando delle proprie. Un’altra donna, infatti, ha dichiarato che Manson le avrebbe puntato una pistola addosso, per poi averla drogata. Wes Borland dei Limp Bizkit, che ha suonato con Manson nel 1998, è stato il primo artista a parlare e ha detto che tutto ciò che la Wood stava dicendo era vero. Trent Reznor ha rilasciato una dichiarazione in cui lo ha denunciato. Un’altra musicista, Phoebe Bridgers, ha rivelato di essere andata a casa di Manson da adolescente e lui le avrebbe parlato di una “una stanza per gli stupri“.

TAG:
Marilyn Manson Rock

ultimo aggiornamento: 01-08-2021


Stadio, Gaetano Curreri ha superato l’infarto: “Adesso sta bene”

Tutti pazzi per Tamberi e Jacobs: le reazioni dei cantanti italiani sui social