Le Donatella: il fidanzato di Silvia Provvedi, Giorgio De Stefano, è stato arrestato per associazione mafiosa nell’ambito di un’operazione anti ‘ndrangheta.

Le Donatella passano dalla gioia al dramma: il fidanzato di Silvia Provvedi è stato arrestato. A pochissimi giorni dalla nascita della sua prima figlia, Nicole, la mora del duo ex protagonista a X Factor ha dovuto subire l’arresto di Giorgio De Stefano, il suo misterioso compagno conosciuto come Malefix.

Spiega Repubblica che l’uomo è stato posto in manette nell’ambito di un’operazione anti ‘ndrangheta insieme a diverse persone legate a vari clan di Reggio Calabria.

Le Donatella: il fidanzato di Silvia Provvedi è stato arrestato

Spiega il quotidiano che la famiglia De Stefano aveva inviato Giorgio al Nord per far girare i propri soldi, rimanendo però pienamente legato alle dinamiche mafiose.

Le Donatella
Le Donatella

Non sono ancora arrivate dichiarazioni da parte della celebre fidanzata, che solo pochi giorni fa ha celebrato la nascita della sua primogenita, la piccola Nicole. Tra l’altro, si tratta di un incubo già vissuto da Silvia. Il suo ex Fabrizio Corona è stato infatti in arresto per gran parte della loro relazione.

Chi è Giorgio De Stefano, detto Malefix

Del fidanzato di Silvia Provvedi si sa ben poco. L’uomo, che si fa chiamare Malefix, non ama infatti i social ed è solito tenere la propria vita privata molto segreta.

Così lo descrive Repubblica: “Giorgetto ‘speciale’ lo era soprattutto per la famiglia: quando il clan chiamava, tornava a vestire i panni del giovane boss, per conto dei De Stefano incaricato a sedare tensioni, imporre accordi, dettare regole“.

Tante le accuse notificate a lui e ad altre venti persone. Tra queste spiccano: associazione mafiosa, estorsione a imprenditori e commercianti, dentezione e porto illegale di armi, aggravati dal metodo e dalla agevolazione mafiosa.

TAG:
le donatella people

ultimo aggiornamento: 24-06-2020


Stash suona una serenata al pancione di Giulia!

Gaia contro l’omofobia: “È un problema mondiale, dobbiamo attivarci”