Il mondo del rock in lutto per la scomparsa di James Kottak, l’ex batterista degli Scorpions, morto all’età di 61 anni.

Il mondo della musica è in lutto per la scomparsa di James Kottak, ex batterista degli Scorpions e dei Kingdom Come. Il musicista è morto a 61 anni, dopo aver apertamente parlato della sua battaglia contro l’alcolismo. A confermare la notizia è stata sua figlia Tobi.

batterista bacchette batteria

La lotta contro l’alcolismo di James Kottak

Come ha confermato la figlia Tobi, James Kottak è scomparso martedì mattina, 9 gennaio, a Louisville (KY), all’età di 61 anni. Tuttavia, la causa ufficiale della morte del batterista non è stata ancora resa nota. Conosciuta è invece la sua battaglia contro l’alcolismo di cui aveva parlato apertamente.

Nel 2022, il musicista ha ammesso che non era stato in grado di abbandonare completamente l’alcol. In un’intervista con Tulsa Music Stream, l’anno successivo, ha raccontato poi: “Sono stato sobrio per molti anni. Dal 2008 al 2011. E qui un anno, e poi un anno. E quando aspettavamo i nostri figli. Ho passato molto tempo senza bere. E poi ho avuto i miei momenti in cui bevevo. Ma questo non significa che mi ubriaco e vado in giro con una bottiglia per casa”.

“Vorrei poter dire: ‘Oh, sì, sono sobrio da sei anni.’ Per me non ha funzionato così. Sono stato dentro e fuori e dentro e fuori e dentro e fuori”, raccontava James Kottak, che volle evidenziare un episodio in cui una volta era caduto dal letto nel sonno a luglio 2022 e si era rotto tre o quattro costole.

Il cordoglio della musica rock

James Kottak è stato un membro fondamentale degli Scorpions, unendosi alla band nel 1996 e diventando il membro più longevo fino al suo licenziamento nel 2016. Prima di unirsi al gruppo però, Kottak era stato il batterista originale dei Kingdom Come.

Oltre a queste due band, Kottak ha avuto una carriera musicale variegata, partecipando a tour con band come i Warrant e i Dio per un breve periodo. James è stato anche coinvolto in vari altri progetti, tra cui la band Krunk degli anni ’90, in cui era il cantante principale e suonava la chitarra.

La notizia della morte di Kottak ha scosso il mondo del rock, con molti colleghi e amici che hanno espresso il loro cordoglio. Johnny “JB” Frank, compagno di band nei Kingdom Come, ha scritto sui social: “Rock Forever in Peace Brother James Kottak. James è in Paradiso adesso”.

Anche Tim “Ripper” Owens, ex Judas Priest e attuale cantante dei KK’S Priest, ha espresso il suo dolore per la scomparsa di Kottak, definendolo un “amico, compagno di band e incredibile batterista”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 10 Gennaio 2024 9:28


Sinead O’Connor: per il coroner è morta di cause naturali

Fedez sbotta contro i giornalisti per l’assedio mediatico: “Neanche Messina Denaro!”