J-Ax prosegue nel suo attacco a Eric Clapton, dopo aver subito le reazioni inviperite di molti fan di Slowhand: il rapper accusa il chitarrista di razzismo.

J-Ax contro Eric Clapton, atto secondo! Sembrava una faida episodica, destinata a un solo intervento in relazione alle parole del chitarrista sul Green Pass. E invece gli attacchi subiti da tantissimi fan di Slowhand hanno dato al rapper milanese la voglia di continuare nella sua critica nei confronti dell’artista inglese 76enne, accusato stavolta di essere anche un razzista e stupratore. “Clapton è il Fortnite del boomer e causa alla sua fanbase, alla quale ricordo che l’esame alla prostata è consigliato fare ogni uno, massimo due anni, reazioni inviperite“, afferma Alessandro, per poi proseguire nel suo affondo in cui chiama in causa anche… Matteo Salvini!

J-Ax dà del razzista a Eric Clapton

Solo pochi giorni fa Ax aveva attaccato Clapton per la sua decisione di non esibirsi di fronte a “platee discriminate“, ossia selezionate tramite il green pass. Nell’occasione il rapper aveva anche affermato, con ironia, che ai live del chitarrista si muore di noia. Parole che gli avevano causato una shitstorm con pochi precedenti da parte dei fan dell’ex Cream, un vero dio della sei corde.

J-Ax
J-Ax

Anche per questo motivo l’ex Articolo 31 ha scelto di spiegare per quale motivo si è “permesso di parlare del ‘Dio’ della chitarra“, utilizzando concetti chiari chiari, “a prova di scemo“. Dopo aver affermato che nessuno vuole toccare il fenomeno della chitarra, attualmente un gigante per chi tiene in vita i negozi di DVD (altro riferimento alla sua età e alla sua musica che a quanto pare sarebbe ormai superata), l’artista milanese ha proseguito: “Io preferisco essere una persona onesta, un buon padre di famiglia, e soprattutto non voglio uccidere i miei fan“.

Il punto è infatti questo: chi non si vaccina ha più possibilità di morire di Covid. Lo dicono i dati, mostrati anche dall’artista: negli ultimi sei mesi, il 99% dei morti per Coronavirus era composto da persone non vaccinate. “Non è un dibattito, è la realtà“, continua Ax: “Chi non si vaccina muore e se non vuoi persone vaccinate rischi di mettere in pericolo i tuoi fan e chi lavora ai tuoi concerti. Un atteggiamento arrogante, assurdo e irresponsabile“.

J-Ax dà del razzista a Eric Clapton

Ma non basta questo attacco sulla questione Green Pass al rapper italiano, che ha voluto smontare una volta per tutte l’immagine pubblica di Clapton, almeno per quanto riguarda il suo lato umano. E per farlo ha ricordato un episodio avvenuto nel 1976, quando il grande chitarrista inglese durante un concerto chiese ai suoi fan stranieri presenti tra il pubblico di un suo concerto a Birmingham non solo di andarsene dal live, ma proprio dal paese: “Facciamo in modo che la Gran Bretagna non diventi una colonia nera… Questo non è il posto dei musi neri, degli arabi e dei fottuti giamaicani. Non li vogliamo. Questa è l’Inghilterra, un paese bianco“.

Quelle frasi risalgono a un periodo storico in cui stavano crescendo i consensi del partito di estrema destra National Front, e da lì a poco venne creato il movimento Rock Against Racism, che diede vita anche a un festival antirazzista. Qualche anno dopo lo stesso Clapton chiese scusa per quelle uscite decisamente infelici.

Il famoso chitarrista quando fa i suoi discorsi fa sembrare Matteo Salvini Nelson Mandela che chiede la pace nel mondo“, ha aggiunto quindi Ax, che ha ricordato anche come lo stesso Slowhand abbia più volte ammesso di aver violentato sua moglie. Una notizia che, secondo il rapper, nessun giornale ha mai scritto. Conclude quindi il rapper: “Io non sono un gigante, appunto come il signor Clapton. Sono una persona normale e i miei concerti e nel mio paese voglio che tutti siano accettati e possano vivere il più serenamente possibile“. Di seguito il video del suo nuovo affondo:

Eric Clapton J-Ax

ultimo aggiornamento: 30-07-2021


Francesco Gabbani, operazione alle corde vocali: come sta il cantante di Amen

“Omofobo e sessista!”: la furia di Madonna contro un famoso rapper americano