Irama torna sul palco di Sanremo che lo ha accolto otto anni fa, con una ballata che promette già di lasciare il segno.

Filippo Maria Fanti – in arte Irama – si appresta a calcare nuovamente il palco del Festival di Sanremo con un brano carico di emotività. “Tu no” è la canzone scelta per la sua quinta partecipazione alla kermesse, un pezzo che sputa in faccia la verità parlando apertamente di mancanza e assenza.

Irama

Il ritorno a Sanremo di Irama

Era il 2016 quando Irama debuttò al Festival di Sanremo tra “Le Nuove Proposte”, e da quel momento il successo lo ha accompagnato ogni giorno, sino ad oggi. Complice il suo modo inimitabile di cantare emozioni, attorno a sé i fan si sono triplicati, e oggi sono più che entusiasti di attenderlo un’altra volta sul palco dell’Ariston.

Questo nuovo traguardo segna per il cantautore toscano un nuovo importante passo con “Tu no”, un brano in cui le emozioni devono esplodere. Per questo motivo la canzone è molto vicina allo spirito di Riccardo Cocciante, che lo accompagnerà sul palco dell’Ariston nella serata dei duetti del 9 febbraio.

Il duetto con Cocciante: “Sarà bellissimo”

Con il grande artista, Irama interpreterà “Quando finisce un amore”, un classico della musica italiana che quest’anno celebra il cinquantenario dalla pubblicazione. Il cantante in gara si dice onorato di poter cantare con Cocciante, considerandolo un maestro dell’emotività nuda e cruda. “Non è per nulla scontato, sarà bellissimo e anche difficile, una vera sfida”, afferma.

”L’idea di Riccardo è nata anche dalla stessa Tu no, dal pezzo e da quello che raccontavo”, spiega l’artista, che ci tiene a precisare che sul palco di Sanremo dovrà “gridare”. “A volte l’emotività è anche mettere con il graffio, come fa lo stesso Cocciante. Lui è un maestro dell’emotività”, aggiunge.

“Tu no”, un brano che sputa in faccia la verità

“Tu no” – con la firma di Irama e dei musicisti Giulio Nenna, Giuseppe Colonnelli, Francesco Monti, Emanuele Mattozzi e prodotta da Giulio Nenna – è una ballata diretta descritta come un grido d’amore, un’espressione viscerale di sentimenti che non trovano pace.

Il brano anticipa il nuovo album di prossima uscita, seguito poi da un evento e una serie di live nei palazzetti, con un’anima soul e un climax emotivo in cui la voce dell’artista svetta su pianoforte e orchestra.

”Per me comunque ogni disco è un inizio, una nuova sfida, alzare l’asticella raccontando i miei lati intimi ma anche sviluppare il tuo mestiere”, spiega Irama, che con il singolo sanremese intende “sputare in faccia la verità”, parlando “della mancanza e dell’assenza”.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

Sanremo

ultimo aggiornamento: 29 Gennaio 2024 9:45


Chadia pubblica “Bondage – La gola”, un singolo tra seduzione e peccati capitali

Marco Mengoni torna negli stadi: annunciate le date del tour 2025